Loading...

Come nascono gli integratori alimentari?

Gli integratori alimentari sono sostanze che vanno assunte per vie non diverse da quella orale per soddisfare un bisogno nutrizionale. Contiene nutrienti che si possono già trovare all’interno di altri alimenti 

Un integratore non viene creato con lo scopo di essere efficace, ma con quello di vendere il più possibile. E’, però, nell’interesse del produttore creare un prodotto funzionante per avere un potenziale di vendita superiore. 

Studi di mercato

La prima fase della nascita di un integratore sta nella ricerca delle necessità delle persone; soddisfare, per esempio, il problema dell’obesità o della sedentarietà con un prodotto simile ad un frullato dolce potrebbe essere una garanzia di successo. L’unico grande ostacolo potrebbero essere coloro che producono la stessa tipologia di prodotto.

Test

Prima della commercializzazione l’integratore attraversa un periodo di studi e test. Rispetto ai farmaci è molto meno rigoroso, proprio perché derivano da componenti naturali assimilabili con la dieta. Gli enti di supervisione, ovviamente, verificano che non ci siano effetti dannosi per la salute e che gli effetti garantiti siano anche solo vagamente raggiunti per non incorrere nel problema di pubblicità fallaci.

Per quanto riguarda la salute, il processo di test procede per gradi: viene prima sperimentato in laboratorio, poi su animali e infine sull’uomo.

L’efficacia invece viene testata dall’azienda stessa oppure da società esterne su commissione. Va da sé che studi condotti in questo modo non siano del tutto attendibili, in quanto è contro gli interessi dell’azienda commercializzare prodotti inefficaci. Per valutare la qualità di un integratore sarebbe meglio approfondire il metodo in cui è stato condotto il test.

Immissione sul mercato

Dopo i test il prodotto è pronto per essere pubblicizzato ed essere immesso sul mercato. La pubblicità deve essere attraente, ma non ingannevole al fine di non cadere nel reato. 

Bisogna poi stabilire il prezzo, tenendo conto della fascia di mercato che si vuole coprire, e i futuri consumatori ai quali il prodotto è dedicato. Bisogna inoltre avere ben chiaro quanto (e in quanto tempo) si vuole ricavare dalla vendita del prodotto. 

Una volta completato questo passaggio, l’integratore si potrà trovare sugli scaffali di parafarmacie e supermercati.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2022 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons