Loading...

Anticorpi tiroidei: tutto quello che c’è da sapere

anti-corpi-tiroideiChe cos’è la tiroide? Da dove inizia la produzione di anticorpi diretti a questa ghiandola? Perché l’organismo dovrebbe produrre anticorpi di questo genere?

A volte capita che il nostro sistema immunitario compia degli errori di interpretazione e produca degli anticorpi rivolti alle nostre stesse ghiandole. Questo è il caso, ad esempio, degli anticorpi tiroidei. 

Cosa sono gli anticorpi tiroidei?

Gli anticorpi tiroidei sono degli auto-anticorpi prodotti dal nostro sistema immunitario contro la ghiandola tiroidea, una ghiandola a secrezione interna che si occupa della produzione degli ormoni.

Le cause principali della produzione di questi anticorpi risiedono nella co-presenza di una malattia autoimmune, o di altre condizioni e/o patologie, ad esempio:

  • Artrite reumatoide;
  • Diabete;
  • Presenza del gozzo (ossia un visibile aumento delle dimensioni della tiroide);
  • Tumore alla tiroide;
  • Morbo di Graves;
  • Presenza di una gravidanza;
  • Sindrome di Hashimoto.

Queste e tante altre possono essere la causa di un aumento della produzione di anticorpi tiroidei. Bisogna tenere sotto controllo questo malfunzionamento del sistema immunitario in quanto potrebbe essere anche sintomo di un tumore più o meno grave.

Come facciamo a valutare la produzione di anticorpi?

Per vedere se il nostro organismo sta producendo questo tipo di anticorpi basta sottoporsi a un apposito esame ematico, dal quale risulteranno i livelli di anticorpi tiroidei nel sangue.

I valori generalmente considerati normali sono i seguenti:

  • Anticorpi TPOAb: < 35 UI/ml;
  • Anticorpi TgAb: <20 UI/ml;
  • TSI: < 140% dell’attività di base;
  • TBII: < 1,75 UI/l.

Quando si prescrive l’esame per gli anticorpi tiroidei?

Questo tipo di esame viene generalmente prescritto quando il soggetto presenta una bassa o un’elevata produzione di ormoni tiroidei, soprattutto se alla base di questo problema si sospetta la presenza di una malattia autoimmune della tiroide.

Bisogna prestare una maggiore attenzione soprattutto se la donna che presenta lo scompenso ormonale, o la malattia autoimmune, è in dolce attesa, in quanto gli anticorpi tiroidei hanno la capacità di attraversare la placenta.

I principali fattori che contribuiscono a questo scompenso sono:

  • Sesso: le donne sono maggiormente a rischio;
  • Età: con l’avanzare dell’età, aumenta il rischio di produrre anticorpi tiroidei.

Quali sono le cure e i rimedi?

Non ci sono delle terapie precise per questo tipo di malfunzionamento. Tuttavia si può fronteggiare la mancanza della produzione di ormoni tiroidei attraverso una terapia sostitutiva che il nostro medico curante saprà indicarci.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons