Loading...

Bronchite acuta: cause, sintomi e rimedi

bronchite acutaOggi parliamo di una patologia che colpisce le nostre vie respiratorie e che può diventare, ed è proprio questo di cui parleremo oggi, cronica.

Parliamo infatti della bronchite cronica, una patologia che colpisce moltissimi italiani e che è costituita da un’infiammazione dei bronchi che diventa, per capirci, costante. Non ci sono infatti sintomi di guarigione e per settimane, mesi e talvolta anche anni, la bronchite continua, con picchi e con momenti di latenza, a dare fastidio.

Vediamo insieme cosa c’è da sapere sulla bronchite cronica, analizzando quali sono le cause, come prevenirla e se c’è qualche modo per uscirne.

Le cause della bronchite cronica

Tipicamente la causa della bronchite cronica è sempre la stessa, ovvero il fumo di sigaretta. La bronchite cronica può colpire sia i soggetti che sono loro stessi fumatori, sia chi viene esposto con una certa regolarità (pensiamo a chi lavora in un posto dove in molti fumano, oppure ai parenti di un fumatore) al fumo di sigaretta.

Si tratta di un’infiammazione infatti che viene, nella grande maggioranza dei casi, causata dalle sostanze irritanti presenti nel fumo e che entrano a contatto con i bronchi durante l’inalazione del fumo di sigaretta.

A peggiorare la situazione possono contribuire altri tipi di fattori, come l’esposizione a sostanze irritanti per i bronchi e anche il reflusso gastro-esofageo.

Come riconoscerla?

La bronchite cronica si riconosce dai seguenti sintomi:

  • Difficoltà a respirare, anche dopo sforzi minimi;
  • Tosse;
  • Presenza di catarro;
  • Presenza, nei casi più gravi, di asma;
  • Presenza, anche qui nei casi più gravi, di dolori al petto di una certa rilevanza;
  • Talvolta si può anche avere la febbre.

La tosse si presente per almeno 3 mesi l’anno, in un periodo che va avanti almeno da 2 anni. In questi casi, possiamo considerarci come vittime della bronchite cronica.

Si può curare?

Non esistono terapie in grado di andare a curare la bronchite cronica. Il primo passo è quello di smettere di fumare e di tenersi lontani dalle sostanze irritanti.

Allo stesso tempo andrebbe utilizzato un umidificatore nel caso in cui la nostra casa fosse troppo secca, e lo stesso vale per il nostro posto di lavoro.

Un altro trucco, che però è tutto fuorché risolutivo, è quello di respirare a labbra socchiuse. Si tratta di un modo per respirare più regolarmente e, soprattutto, per limitare il flusso d’aria.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons