Loading...

Bruciore al clitoride: cause e possibili rimedi

clitoride brucioreSebbene si continui a parlarne poco, il clitoride (o la clitoride, secondo un’altra corrente “grammaticale”) è un’area che può dare problemi considerevoli alla donna.

Se ne parla poco, ma non per una falsa pudicizia, ma piuttosto perché si tratta di problematiche che sono in genere molto meno frequenti di quelle che colpiscono la vagina.

Oggi parliamo di bruciore al clitoride, di quali possono essere le sue cause, di come comportarsi nel caso in cui il fastidio si dovesse presentare.

Il problema più frequente: frizione non eccessivamente lubrificata

Nonostante durante l’eccitamento sessuale la lubrificazione vaginale dovrebbe essere più che sufficiente anche per lubrificare il clitoride, può succedere che questa non basti però ad evitare traumi da frizione. Può avvenire durante la masturbazione o anche durante l’atto sessuale, soprattutto in posizioni che vadano appunto a stimolare il clitoride.

Il problema è molto più comune, inoltre, durante gli stati di eccitazione, dato che la parte in questione finisce per gonfiarsi e dunque, a seconda dell’anatomia, ad essere decisamente più sporgente verso l’esterno.

Si tratta del problema più comune di questo tipo e dovrebbe essere quello su cui bisognerebbe indagare nel caso in cui il problema dovesse presentarsi ciclicamente, soprattutto se in concomitanza di masturbazione o atto sessuale.

Quando invece si può trattare di infezioni e infiammazioni

La particolare conformazione della vulva può essere causata anche della trasmissione di infezioni che hanno colpito il canale vaginale al clitoride.

Si tratta di casi purtroppo altrettanto comuni e che non cesseranno di presentarsi fino a quando l’infezione vaginale non sarà risolta. In questo caso, ovvero nel caso in cui il bruciore al clitoride non sia riconducibile a traumi fisici, sarà necessario contattare immediatamente il proprio ginecologo e sottoporsi ad una visita tesa a riscontrare l’eventuale presenza di problemi di questo tipo.

Cosa fare in caso di bruciore al clitoride?

Nel caso di bruciore al clitoride sarà sicuramente importante interrompere ogni tipo di attività sessuale e prendere qualche contromisura, in attesa della visita del ginecologo, come:

  • Lavare l’area esclusivamente con sapone neutro ed evitare (sì, sono controproducenti) lavaggi troppo frequenti;
  • Utilizzare soltanto biancheria di cotone;
  • Astenersi dalla stimolazione di qualunque tipo dell’area (non solo sessuale, anche la bicicletta o il motorino possono creare fastidi).

Per il resto meglio evitare qualunque tipo di cura fai da te, che potrebbe creare più problemi di quanti potrebbe risolverne.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons