Loading...

Cardias Incontintente: cos’è e come si cura

cardiasTra esofago e stomaco c’é uno sfintere chiamato cardias che diventa incontinente quando non riesce più a lavorare normalmente, ovvero a contrarsi e rilassarsi quando necessario. Il suo funzionamento serve per evitare il reflusso di acidi dello stomaco. Il cardias si dilata quando mangiamo e lascia scendere il cibo e si contrae una volta che il cibo è arrivato fino allo stomaco. Se il cardias non funziona, i succhi gastrici giungono all’esofago, lo corrodono e causano bruciore.

Sintomi e cause

sintomi del cardias incontinente sono:

  • Bruciore di stomaco;
  • Acidità;
  • Rigurgito acido.

Il cardias incontinente, più comunemente conosciuto come ”reflusso gastroesofageo”, è un disturbo comune. Diventa patologico quando compare una volta a settimana o anche più e in questo caso si parla della malattia da reflusso gastroesofageo, ovvero di MRGE. In genere una scorretta funzionalità dello sfintere gastrico causa reflusso. Altre cause comuni del reflusso gastrico sono:

  • Patologie che modificano la normale funzione dello sfintere gastrico;
  • Anomalie nel funzionamento dello sfintere esofageo;
  • Esofagite;
  • Consumo eccessivo di bevande gassate;
  • Consumo eccessivo di bevande a base di caffè o contenenti caffeina;
  • Sovrappeso e obesità;
  • Abuso o utilizzo prolungato di farmaci gastrolesivi;
  • Fumo;
  • Alimentazione squilibrata;
  • Aerofagia;
  • Stress;
  • Gravidanza.

Terapia e cura

Nei casi meno gravi una dieta equilibrata risulta efficace per minimizzare il problema. Bisogna evitare il consumo di cibi speziati o troppo grassi, alimenti fritti, caffè, cioccolato, alcol, aglio e cipolla e brodo soprattutto se caldo. La terapia farmacologica più comune è a base di antiacidi che aiutano il paziente a gestire i sintomi, ma non risolvono il problema. Agiscono velocemente, ma l’efficacia svanisce quasi subito. Una terapia piuttosto efficace è a base di farmaci H2-antagonisti, in quanto diminuiscono le secrezioni di acido e hanno un effetto prolungato. La terapia più incisiva è quella a base di farmaci inibitori della pompa protonica che agiscono sulla produzione dell’acido a livello cellulare e hanno un effetto benefico duraturo.

Se nessuna delle terapie risulta efficace, può essere utile ricorrere ad un intervento chirurgico, ma c’è comunque il rischio di recidive o che l’intervento non risolva il problema. Come sempre vi ricordiamo che i nostri articoli sono a scopo informativo e che non possono sostituire il parere del medico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons