Loading...

Cavitazione medica: funzionamento, costi e risultati

cavitazioneLa cavitazione medica è un tipo di trattamento non troppo invasivo e non chirurgico che riesce a ridurre lo strato di grasso che si accumula sull’addome e sulle cosce.

Pare che questo tipo di pratica sarà presto un’alternativa alla liposuzione più pericolosa e invasiva per il corpo. Ad oggi non sono ancora chiari tutti gli effetti collaterali della cavitazione medica.

Come si svolge?

La cavitazione medica si effettua con ultrasuoni a bassa frequenza utilizzati al fine di rimodellare il corpo. Gli ultrasuoni eliminano e distruggono le cellule adipose.

Ovviamente il trattamento non è definitivo, se lo stile di vita e la dieta non cambiano l’adipe tornerà nel tempo a riposizionarsi dov’era. La tecnica agisce in maniera piuttosto evidente sulla pelle a buccia di arancia e assotiglia gli strati di grasso nelle zone critiche.

Gli strumenti utilizzati sono lamine con cariche elettriche adatte a produrre un campo elettrico che genera vibrazioni. L’elettricità crea quindi vibrazioni che si trasmettono alla cute e alle cellule adipose.

Nella cavitazione medica il paziente deve assumere farmaci che possano aiutare lo scioglimento delle cellule adipose, quando invece si parla di cavitazione estetica non vengono somministrati farmaci.

Costi e tempi

I costi della cavitazione medica partono da un minimo di 100 euro a seduta. Se i centri danno ai clienti la possibilità di fare pacchetti e di acquistare più sedute, a volte si può riuscire a risparmiare qualcosa.

Le sedute hanno una durata che va dalla mezz’ora all’ora e mezza a seconda del soggetto. Per capire se la tecnica sta funzionando e sta eliminando il grasso, bisogna che il soggetto faccia almeno cinque sedute.

Svantaggi

In alcuni casi non può essere possibile eseguire la cavitazione, in caso di gravidanza ad esempio è assolutamente sconsigliabile sottoporsi a pratiche del genere.

Anche in caso di uso della spirale contraccettiva o di cure chemioterapiche è sconsigliabile sottoporsi alla cavitazione medica o estetica. Anche i soggetti che soffrono di patologie all’apparato cardiocircolatorio o del cuore o dei reni non dovrebbero sottoporsi alla cavitazione.

I soggetti più sensibili possono avvertire qualche piccolo fastidio dopo la cavitazione, come debolezza o arrossamento della cute. In alcuni casi è possibile avvertire anche un po’ di dolore sulle parti trattate.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons