Loading...

Che cos’è il polipo all’utero

Poliposi uterina: tutto quello che c'è da sapereI polipi uterini non sono altro che dei piccoli tumori benigni che si formano lungo il tratto cervicale o endometriale dell’utero e vengono scoperti, il più delle volte, durante visite ginecologiche di routine.

Quali sono le cause?

I polipi uterini sono il risultato di un’eccessiva crescita di cellule endometriali stimolata dagli estrogeni.

Ecco spiegato il motivo per il quale queste neoformazioni compaiono maggiormente nelle donne di età compresa tra i 40 ed i 50 anni, mentre risultano praticamente assenti nelle adolescenti.

Sintomi

Nella maggior parte dei casi non ci si rende conto di essere affetti dalla poliposi uterina e questo per via dell’asintomaticità della stessa.

In casi particolarmente gravi, però, ci si può accorgere del problema per via di:

  • Piccole ma frequenti perdite di sangue tra una mestruazione e l’altra;
  • Dolori addominali molto simili a crampi mestruali;
  • Irregolarità del ciclo mestruale;
  • Ipermenorrea;
  • Dismenorrea;
  • Dispareunia;
  • Spotting;
  • Perdite uterine durante il periodo successivo alla menopausa

A quali esami bisogna sottoporsi per individuare il problema?

Come abbiamo detto nell’introduzione, la maggior parte delle donne si accorge del problema proprio durante visite ginecologiche di routine o ecografie pelviche.

Ma non è finita quì.

Per individuare il problema relativo ai polipi uterini, ci si può anche sottoporre ad un’ecografia transvaginale, ad un’isterosalpingografia oppure ad un’isteroscopia diagnostica.

Come si curano?

A seconda della gravità della situazione, il medico potrà suggerire alla paziente di sottoporsi ad una precisa terapia farmacologica e prescriverle, dunque, progestinici oppure gonadotropine.

Se al termine della suddetta terapia i polipi dovessero ricomparire, la persona dovrà obbligatoriamente sottoporsi a specifici interventi chirurgici, quali il raschiamento, l’isterectomia (nel caso in cui i polipi contenessero delle cellule tumorali) e/o la resettoscopia, una tecnica di gran lunga più affidabile e meno invasiva.

Attenzione, però: non è detto che i polipi uterini non possano ripresentarsi anche in seguito ad uno di questi interventi, anzi.

Se vi è una predisposizione genetica, sarà necessario ricorrere nuovamente ai trattamenti chirurgici.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons