Loading...

Che cos’è la cinarina e come funziona?

cinarinaLa cinarina è una sostanza contenuta nel carciofo e ha tanti effetti benefici sul nostro organismo. Oggi vedremo insieme quali sono i benefici, ma anche quali sono le controindicazioni della cinarina.

Cinarina: cos’è, a cosa serve e quando evitarla

La cinarina è contenuta nel carciofo ed è una sostanza aromatica che da all’ortaggio il suo sapore amaro. Le proprietà benefiche della cinarina sono conosciute sin dai tempi antichi e oggi studi scientifici hanno confermato questi effetti benefici. La cinarina ha tante qualità perchè è un polifenolo, ovvero un potente antiossidante che agisce contro i radicali liberi. È un derivato dell’acido caffeico e ha un’azione depurativa e diuretica. La cinarina ha anche una potente azione protettiva e rigenerante delle cellule del fegato, aiuta la stimolazione della produzione della bile, lo svuotamento della colecisti e il deflusso della bile nel duodeno.

Per questo è consigliata a chi deve combattere le patologie legate alla depurazione e alla funzione del fegato. La cinerina ha anche tante altre proprietà: aiuta nella cura della stitichezza, diminuisce il reflusso gastroesofageo, aiuta nel trattamento della nausea e del vomito e riduce gli effetti dannosi della cirrosi epatica. La cinarina è un buon aiuto per prevenire e curare il colesterolo e le difficoltà di digestione. La cinarina ha anche un’azione lassativa ed è indicata a chi soffre di stitichezza. Inoltre contrasta i picchi glicemici e aiuta a prevenire il diabete. La cinarina ha anche proprietà diuretiche oltre che disintossicanti.

Per ottenere i benefici della cinarina, potete assumerla tramite tisane o grazie alla tintura madre. Potete preparare una tisana di foglie secche o fresche di carciofo per ottenere i benefici della cinarina, ma ricordate che le foglie di carciofo sono molto amare, quindi preparatevi a sentire un brivido! La tintura madre si acquista in erboristeria e bastano una ventina di gocce 3 volte al giorno per godere dei benefici della cinarina.

Quando evitare la cinarina?

La cinarina non è consigliata a chi ha subito l’asportazione della cistifellea e nei casi di nota intolleranza. È inoltre sconsigliata durante la gravidanza e l’allattamento e nei soggetti che soffrono di calcoli biliari, di colelitiasi o di restringimenti delle vie biliari e in chi sta assumendo farmaci gastrolesivi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons