Loading...

Come cicatrizzare una ferita con metodi naturali

Come accelerare la chiusura di una ferita naturalmenteLa cicatrizzazione cutanea è un particolare processo di riparazione dei tessuti che avviene automaticamente in seguito a lesioni e/o ferite della pelle.

Generalmente questo processo impiega all’incirca 4 settimane per giungere al termine, ma non è sempre così.

Tutto dipende dalla profondità delle ferite e dalle eventuali infezioni che si formano al loro interno.

Per accelerare i tempi di guarigione delle ferite, alcune persone solgono mettere in pratica degli efficaci rimedi naturali dotati di potentissimi effetti cicatrizzanti.

Se volete sapere quali sono, continuate a leggere l’articolo.

Zucchero

Uno dei metodi naturali più efficaci al mondo che favorisce la cicatrizzazione delle ferite è lo zucchero.

Versando direttamente il prodotto su una ferita (precedentemente disinfettata),  tutta l’umidità verrà letteralmente assorbita e si eviterà, così, il proliferarsi di batteri e la formazione delle infezioni.

Evitate di coprire la ferita con bende e/o garze elastiche e lasciatela all’aperto in modo da accelerare i tempi di guarigione.

Aloe vera

L’aloe vera è una pianta molto utilizzata in ambito erboristico in quanto dotata di proprietà rinfrescanti, antinfiammatorie, depurative e cicatrizzanti.

Ecco perché viene usata non solo per alleviare i bruciori derivanti da lesioni e scottature, ma anche per cicatrizzare più velocemente ferite cutanee di lieve entità.

Una volta acquistato il gel direttamente in erboristeria, non dovrete far altro che spalmarlo sulla ferita ed attendere che la pelle ne assorba l’eccesso.

In alternativa, potete anche utilizzarne le foglie: vi basterà romperne una a metà e posizionarne sulla ferita la parte gelatinosa.

Ripetete l’operazione tutti i giorni, fino a quando la ferita non si sarà completamente chiusa.

Fichi d’India

Anche i fichi d’India favoriscono la cicatrizzazione delle ferite.

Per evitare di pungervi con le spine che ricoprono la loro buccia, vi consigliamo di sbucciarne uno e di farne poi fuoriuscire il succo che voi poi andrete a versare direttamente sulla ferita.

Fatto questo, non vi resterà che attendere l’assorbimento da parte della pelle e la successiva guarigione della ferita che avverrà nel giro di 7/8 giorni.

Calendula

La calendula è una pianta che possiede press’a poco le stesse proprietà dell’aloe vera, ecco perché abbiamo deciso di inserirla in quest’articolo.

Oltre a possedere particolari proprietà antispasmodiche, antinfiammatorie e lentive, la calendula risulta essere anche altamente cicatrizzante.

Anche in questo caso, non dovrete far altro che acquistare la crema in erboristeria e spalmarla direttamente sulle ferite.

In alternativa, potete anche aggiungere a questa 1 cucchiaio di polpa di aloe vera e poche gocce di olio essenziale di jojoba, in modo da triplicarne gli effetti.

Una volta mischiati gli ingredienti, non vi resterà che spalmare la pastella ottenuta sulle ferite ed attenderne la chiusura definitiva.

Acqua ossigenata ed uovo

Per accelerare il processo di cicatrizzazione delle ferite, inoltre, potete anche provare a preparare una crema composta da 1 uovo e ½ tazzina di acqua ossigenata.

Una volta mescolati per bene i due ingredienti, non vi resterà che applicarla sulla ferita giornalmente fino a quando questa non sarà completamente guarita.

Mentre l’acqua ossigenata eviterà di far rimanere il segno della cicatrice, l’uovo aiuterà la pelle a rigenerarsi, grazie alle proteine ed agli acidi grassi di cui è composto.

Succo di limone

Potrà sembrarvi strano eppure anche il succo di limone è ottimo per favorire la cicatrizzazione delle ferite.

Questo grazie alle innumerevoli proprietà antisettiche e cicatrizzanti di cui esso è dotato.

L’unica nota negativa di tutto questo, però, è il bruciore che si avvertirà subito dopo averlo applicato sulla ferita.

Miele

Per rimarginare rapidamente le ferite in maniera del tutto naturale, potete anche provare ad utilizzare il miele artigianale oppure quello biologico.

Vi basterà applicarne una goccia direttamente sulla ferita e, nel giro di 3/4 giorni, comincerà a chiudersi completamente.

Questo, naturalmente, grazie allo zucchero in esso contenuto (che come abbiamo visto precedentemente va ad asciugare la ferita) e ad un insieme di composti organici che emettono citochine e interleuchine precicatrizzanti.

Vitamina C

Anche la vitamina C possiede importanti effetti cicatrizzanti.

Ecco perché, per accelerare i tempi di guarigione delle ferite, vi consigliamo non solo di assumere per via orale delle pasticche di vitamina C, ma anche di mettere in pratica uno dei metodi naturali sopra suggeriti.

In questo modo, le ferite non solo guariranno in maniera efficace, ma si chiuderanno anche nel giro di 7/8 giorni al massimo. Garantito.

Olio di perilla ed olio di ribes nero

I frutti del ribes nero, essendo particolarmente ricchi di vitamina C, sono perfetti per favorire la cicatrizzazione delle ferite.

Una volta acquistatone l’olio direttamente in erboristeria, non vi resterà che applicarlo direttamente sulla ferita ed attendere che la pelle ne assorba l’eccesso.

Così facendo, la ferita guarirà nel giro di pochi giorni e non rimarrà neppure il segno della cicatrice.

Lo stesso discorso vale per l’olio di perilla.

Iperico

Molti di voi probabilmente avranno già sentito parlare di iperico per via delle sue attività antidepressive, senza sapere che questa pianta possiede anche importanti proprietà antinfiammatorie e cicatrizzanti.

Acquistatene l’olio in erboristeria ed utilizzatelo nella stessa maniera descritta nei paragrafi precedenti.

Evitate l’utilizzo di iperico se soffrite di ipersensibilità.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons