Loading...

Come curare la couperose con metodi naturali

Couperose: come curarla naturalmente?Secondo alcune statistiche, circa il 3% della popolazione italiana soffre di couperose.

Che cos’è la couperose?

La couperose è un inestetismo della pelle legato alla dilatazione dei capillari del viso che colpisce in maggioranza la zona relativa alle guance ed al naso.

Quali sono le cause?

La couperose può derivare da diversi fattori, vale a dire: predisposizioni genetiche, sbalzi di temperature o dermocosmetici poco adatti alla qualità ed alla sensibilità della propria pelle.

Come rimediare al problema?

La couperose si può curare in diversi modi: si può scegliere, per esempio, di sottoporsi a dei trattamenti laser o a quelli di luce pulsata, o anche chiedere consiglio ad un dermatologo esperto.

Ma non è tutto. La couperose si può curare anche in maniera del tutto naturale.

Vediamo insieme qualche semplice metodo naturale.

Mirtilli

Il primo modo per riuscire a curare la couperose consiste nell’alimentarsi adeguatamente.

Evitate, dunque, alcolici, caffé, alimenti eccitanti e spezie e prediligete invece un buon bicchiere di succo di mirtillo.

mirtilli, infatti, sono ricchissimi di sostanze vaso-protettrici che rinforzano i capillari e migliorano la microcircolazione.

Vitamina C

Ma non è tutto. Anche la vitamina C è ottima per stimolare la sintesi del collagene.

Ecco perché vi suggeriamo di acquistare degli integratori che la contengano oppure di consumare abbondantemente agrumi, fragole, peperoni, kiwi, broccoli e pomodori.

Argilla rossa

Per ovviare al problema della couperose, potete anche provare ad applicare sul viso dell’argilla rossa.

Quest’ultima, infatti, oltre ad esercitare un’azione cicatrizzante, risulta essere anche altamente antinfiammatoria ed emostatica.

Una volta acquistata l’argilla rossa in erboristeria, non dovrete far altro che mescolarne 2 cucchiaini a 100 ml di olio di achillea millefoglie ed agitare.

Applicate il composto sulle zone del viso colpite dall’inestetismo due volte al giorno: al mattino ed alla sera, fino a quando l’arrossamento non sarà completamente scomparso.

Ippocastano

Come i mirtilli, anche l’ippocastano riesce a stimolare efficacemente il microcircolo.

Ma non è tutto. Questa pianta possiede anche numerosissime proprietà toniche, vasocostrittrici, astringenti, antinfiammatorie e disarrosanti e in più è in grado di prevenire efficacemente la fragilità capillare. Ecco spiegato il motivo per il quale risulta essere particolarmente adatto in caso di couperose.

Preparatene, dunque, un decotto ed applicatelo sul viso con un batuffolo di ovatta per almeno due volte al giorno.

Calendula

La calendula, oltre a possedere un’azione decongestionante e lenitiva, risulta essere anche altamente disarrossante.

Per godere delle proprietà di questa pianta, potete sia acquistarla sottoforma di crema, e spalmarla così direttamente sul viso, sia prepararne un decotto per poi tamponarlo sulla pelle con un batuffolo di ovatta.

Malva

I fiori e le foglie di malva vengono utilizzati in molteplici circostanze dal momento che sono dotate di innumerevoli proprietà emollienti ed antinfiammatorie.

La malva viene infatti utilizzata per guarire tosse e forme catarrali, ma anche per idratare e sfiammare l’intestino.

Ma non è tutto. I fiori e le foglie di malva possono essere anche utilizzate per curare gli inestetismi della pelle, come couperosi ed eruzioni cutanee.

Per godere appieno delle proprietà di questa pianta vi suggeriamo, anche in questo caso, di prepararne un decotto, immergerci dentro un panno ed applicarlo sul viso per qualche minuto per almeno due volte al giorno.

Camomilla

Per rimediare alla couperose è possibile anche utilizzare della semplice camomilla, in quanto lenitiva ed antiarrossante.

Dunque, per ridare tono alle pareti dei vasellini, vi suggeriamo di preparare degli impacchi con infuso di camomilla e tamponarli poi sul viso con un batuffolo di ovatta o con un panno pulito per almeno due volte al giorno.

La stessa operazione può essere eseguita utilizzando il rosmarino.

Olio di avocado

Anche l’avocado è perfetto per curare la pelle affetta da couperose, in quanto altamente infiammatorio e ricco di fitonutrienti, ovvero di elementi antiossidanti che riescono a liberare le cellule dai radicali liberi.

Potete utilizzarlo per curare dermatiti, allergie della pelle, couperosi ed altre patologie dermatologiche.

L’olio di avocado è facilmente reperibile nelle erboristerie ed online.

Rusco

Le radici di rusco possiedono efficacissime proprietà vasoprotettrici ed antinfiammatorie sulla circolazione venosa periferica.

Ecco perché spesso e volentieri vengono impiegate per rimediare a dolori e senso di pesantezza alle gambe.

Il rusco, inoltre, presentando notevoli attività flebotoniche, riesce ad aumentare il tono venoso, rendendo così più elastiche le pareti dei vasi e riuscendo a risolvere ogni tipo di fragilità capillare.

Per godere appieno delle proprietà di questa pianta, potete acquistarne una crema direttamente in farmacia o in erboristeria oppure prepararne un decotto.

La cosa fondamentale è utilizzare il decotto soltanto quando questo si sarà raffreddato completamente per non rischiare di apportare ulteriori danni alla pelle del viso.

Cipolla ed olio di oliva

La couperose, infine, può essere curata anche utilizzando il succo di cipolla e l’olio di oliva.

Le quantità di questi due ingredienti dovranno essere pari a 1:1. Una volta mescolati i prodotti insieme, applicate il composto ottenuto sulle zone del viso colpite dalla couperose per almeno 3 volte al giorno.

Dopo un paio di giorni comincerete già a notare dei miglioramenti. Provare per credere.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons