Loading...

Come proteggersi dal sole in modo naturale

Metodi naturali per proteggere la pelle dai raggi solariAltro che insetti e bikini: il vero protagonista dei mesi estivi è il sole.

E’ solo grazie a quest’ultimo che, ogni anno, possiamo sfoggiare una tintarella da fare invidia anche ai “vù cumprà” sulla spiaggia.

Tuttavia, però, è sempre meglio evitare di esporsi al sole per troppe ore al giorno, soprattutto se non si ha la benché minima intenzione di trascorrere il resto delle vacanze in casa, magari per via di insolazioni e/o scottature solari.

La protezione solare non basta

Per proteggere la pelle dai raggi solari non basta spalmare sulla pelle una protezione solare di qualità.

Quello che la maggior parte delle persone non sa è che è possibile proteggersi dal sole anche attraverso il consumo di cibi specifici e/o l’utilizzo di particolari cosmetici naturali.

Beta carotene, licopene, vitamina C ed E: quanto basta per rafforzare i meccanismi di difesa

Il modo più efficace per proteggersi dai danni provenienti dai raggi solari consiste nell’assumere cibi contenenti vitamina C ed E, licopene, beta carotene e polifenoli.

Perché?

Queste sostanze, oltre a proteggere il nostro organismo dai danni provenienti dai raggi solari (come la comparsa di rughe, invecchiamento precoce della pelle, macchie solari e via dicendo), rendono anche la nostra pelle più sana e la predispongono, quindi, ad un’abbronzatura più armonica ed uniforme.

Tra tutti i cibi, quelli più ricchi delle sostanze sopra elencate sono: le carote, le pesche, le zucche, le albicocche, i meloni, la papaya, le arance rosse, i pompelmi, il thè verde, i pomodori, i peperoni, i manghi, i frutti di bosco, la frutta a guscio, le fragole, i kiwi, gli ortaggi, le uova, il fegato ed i latticini.

Naturalmente, però, per poter godere appieno degli effetti derivanti da queste sostanze sarebbe meglio cominciare a consumare i cibi sopra elencati almeno 30 giorni prima dell’inizio delle vacanze estive.

Nota bene: i cibi da evitare

Per non rischiare di ustionarvi la pelle e per proteggere quest’ultima dagli effetti negativi derivanti da prolungate esposizioni al sole, inoltre, vi consigliamo di evitare il consumo di:

  • Fritture;
  • Alimenti e bibite zuccherate;
  • Cibi contenenti grassi idrogenati;
  • Alcolici;
  • Cibi piccanti

Abiti anti-UV e cosmetici naturali: il connubio perfetto per proteggere la pelle dal sole in maniera naturale

Come vi abbiamo già detto in precedenza, si può proteggere la pelle non solo consumando cibi specifici, ma anche utilizzando particolari cosmetici naturali.

Tra questi, i più efficaci sono senza ombra di dubbio l’olio di riso, in quanto dotato di una valida attività antiossidante ed un elevato contenuto di gamma orizanolo; l’olio di sesamo, in quanto riesce a filtrare circa il 30% dei raggi UV e poi perché possiede innumerevoli proprietà emollienti ed antiossidanti; il biossido di titanio che protegge la pelle dai raggi UVA e l’ossido di zinco, in quanto riesce a bloccare letteralmente la componente UV della radiazione proveniente dal sole.

Ma non è finita qui. Anche l’olio di cocco, l’olio di arachidi, l’olio di oliva e l’olio dei semi di cotone sono perfetti per proteggere naturalmente la pelle dai raggi solari: tutti quanti, infatti, riescono a bloccare i raggi UV di ben il 20%. Stesso discorso per l’olio di mandorle.

Utilizzando uno di questi olii, non solo andrete a proteggere la pelle dai raggi solari, ma la idraterete anche in profondità. Quando si dice “Prendere due piccioni con una sola fava”.

Tutti questi prodotti sono facilmente reperibili nelle erboristerie, nelle farmacie ed online.

Un discorso a parte meritano i cosiddetti abiti anti-UV.

Che cosa sono?

Gli abiti anti-UV sono dei capi fatti di tessuti particolarmente avanzati in grado di proteggere efficacemente la pelle dai danni provenienti dai raggi solari, grazie alla combinazione delle fibre tessili con il biossido di titanio e l’ossido di zinco.

Il livello di protezione su questi tessuti viene indicata con la sigla UPF, ovvero “Ultraviolet Protection Factor” e può andare da un minimo di 15 ad un massimo di 50+.

In Italia, però, il discorso è leggermente diverso. Sull’etichetta di questi indumenti viene riportato un sole giallo con ombreggiatura seguito dal numero della norma e dal fattore di protezione solare.

Insomma, quello che dovrete fare voi è semplicemente informarvi su dove si trovi il negozio di abiti anti-UV più vicino a voi e farvi una bella scorta prima di partire per le vacanze.

Come comportarsi dopo l’esposizione al sole

Dopo l’esposizione al sole, infine, vi suggeriamo di continuare a prendervi cura della vostra pelle.

In che modo?

Semplice, aprendo in due qualche foglia di aloe vera ed applicandola direttamente sulla pelle. Così facendo, non solo rigenererete la vostra pelle, ma potrete godere anche delle innumerevoli proprietà antinfiammatorie derivanti da questa pianta miracolosa.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons