Loading...

Come togliere le verruche: guida completa a tutte le tecniche

Verruche: come rimuoverle?La rimozione delle verruche può essere necessaria non solo per una questione estetica, ma anche e soprattutto per evitarne ipotetici contagi.

Cosa sono le verruche?

Prima di poter capire in che maniera rimuovere le verruche, bisogna capire esattamente cosa queste siano ed il motivo per il quale si formano.

Le verruche non sono altro che delle malformazioni benigne della cute, causate dal famoso papilloma virus, composte da un nucleo che va letteralmente a scavare nella pelle per trarre nutrimento dai nostri vasi sanguigni.

In linea di massima, queste escrescenze non sono pericolose, bensì brutte da vedere e in alcuni casi anche dolorose.

Come rimuoverle?

Data la rispettiva definizione, non ci resta che spiegarvi in che maniera rimuoverle.

Acido salicilico

Esistono diversi modi per eliminare le verruche e noi in quest’articolo cominceremo a descrivervi quelli più utilizzati.

Partiamo dall’acido salicilico.

Si tratta di un ingrediente comune a molte creme che solitamente si acquistano in farmacia ed altamente efficace.

Una volta acquistatolo, non dovrete far altro che applicarlo con un cotton fioc sulla verruca e lasciarlo agire per tutta la giornata.

Quando si sarà asciugato, rimuovete la pelle morta con un pò di carta e ripetete l’operazione almeno 2 volte alla settimana.

Lo stesso discorso può essere fatto per le pomate a base di acido retinico, collodio elastico e/o acido lattico.

Eseguite più applicazioni al giorno e non dimenticate di coprire la zona della pelle con un cerotto, in modo da far letteralmente staccare la verruca e poterla estrarla tranquillamente.

Azoto liquido

Anche l’azoto liquido risulta essere particolarmente efficace in questi casi, dal momento che va letteralmente a congelare la verruca ed a ridurne notevolmente le dimensioni.

Potete acquistare l’ingrediente direttamente in farmacia ed utilizzarlo secondo le istruzioni riportate sul retro.

Naturalmente, per poter ottenere dei miglioramenti, dovrete pazientare un pò: la scomparsa di queste fastidiosissime escrescenze avverrà dopo almeno 2/3 applicazioni.

Nel caso in cui non doveste notare miglioramenti, chiedete consiglio al vostro dermatologo.

Chirurgia laser

Non sempre i rimedi consigliati funzionano, questo si sa. Ecco perché abbiamo deciso di non suggerirvi di sottoporvi alla chirurgia laser nel caso in cui, pur mettendo in pratica particolari tecniche, le verruche non dovessero scomparire.

Attraverso questo trattamento, le verruche verranno letteralmente bruciate e voi non avvertirete alcun dolore se non un leggero fastidio.

Spicchi di aglio

Naturalmente i rimedi sopra descritti sono quelli più utilizzati in ambito medico, ma questo non significa che i cosiddetti rimedi della nonna non possano risultare efficaci alla stessa maniera, anzi.

Tra tutti, il più comune ed il più antico è sicuramente quello che prevede l’utilizzo dell’aglio.

Vi basterà prenderne uno spicchio, schiacciarlo e versarci sopra qualche goccia di olio di oliva. Spalmatelo poi sulla verruca e coprite con un cerotto, in modo da far agire efficacemente il composto.

Il suggerimento che vi diamo è di non far restare la pastella ottenuta per più di un’ora sulla pelle, onde evitare ulteriori irritazioni.

Ripetete l’operazione un paio di volte alla settimana per una sola volta al giorno.

Aloe vera

Ovviamente l’aglio non rappresenta l’unico rimedio naturale in grado di rimuovere le verruche, anzi.

Anche l’aloe vera può essere utile in questi casi. Per utilizzarla correttamente, dovrete applicarne il succo direttamente sulla verruca per almeno una volta al giorno.

In questo modo le escrescenze si dissolveranno nel giro di poche settimane.

La stessa cosa può essere fatta sostituendo l’aloe vera al Tea Tree Oil.

Pomodoro

Per ridurre notevolmente le dimensioni delle verruche potete anche ricorrere al pomodoro.

Pare, infatti, che applicandone una metà cruda direttamente sulla verruca e strofinandola energicamente su quest’ultima, l’escrescenza vada man mano a rimpicciolirsi fino a scomparire definitivamente.

Strofinatelo sulla pelle per almeno 10 minuti al giorno ed i miglioramenti non tarderanno ad arrivare.

Naturalmente, però, teniamo a sottolineare una cosa: la riuscita di questi rimedi casalinghi dipende non solo dalla zona in cui la verruca è localizzata, ma anche dalla profondità della stessa.

Ragion per cui, se dopo qualche settimana la situazione dovesse rimanere stabile, non amettete in dubbio la vericidità delle informazioni riportate in quest’articolo.

Limone

Le capacità astringenti del limone possono favorire la scomparsa delle verruche.

Per un utilizzo corretto, vi consigliamo di applicarne uno spicchio direttamente sulla verruca e di lasciarlo agire per un’ora.

Evitate di prolungare il tempo di applicazione: la pelle potrebbe irritarsi o addirittura arrossarsi in maniera eccessiva.

Buccia di banana

In tempi remoti, la buccia di banana veniva utilizzata per alleviare i fastidi e le irritazioni della pelle.

Questa usanza è stata tramandata fino ai giorni nostri per alleviare, per esempio, le irritazioni causate dall’edera, ma non solo.

Alcune persone utilizzano la parte interna della buccia delle banane anche per ridurre le dimensioni delle verruche.

Se anche voi volete provare a mettere in pratica questo rimedio, dovrete semplicemente raschiare la parte interna della buccia con un cucchiaino ed applicarla direttamente sulla verruca.

Coprite poi con una benda o anche un cerotto e ripetete l’operazione per almeno 2 volte al giorno.

Corteccia di betulla

Potete utilizzare la corteccia di betulla in due modi diversi.

Preparandone una tisana ed immergendoci poi dentro un panno che poi applicherete direttamente sulle verruche per almeno 10 minuti al giorno, oppure acquistandone la crema direttamente in erboristeria e spalmandola sulla pelle.

Il risultato sarà ottimale in entrambi i casi.

Olio di ricino

Anche l’olio di ricino risulta essere particolarmente adatto in questi casi.

Una volta acquistatolo, non dovrete far altro che versarne una piccola quantità in un pentolino, riscaldarlo ed applicarlo con un cucchiaino su un panno o una garza sterile che andrete poi a posizionare sulle verruche per mezz’ora.

Questa operazione dovrà essere eseguita per almeno due volte al giorno fino a quando non comincerete a notare degli effettivi miglioramenti.

Succo d’uva

Un altro antico rimedio della nonna è quello che prevede l’utilizzo del succo d’uva.

Pare, infatti, che applicandolo sulle verruche per almeno 3/4 volte al giorno, queste vadano man mano a rimpicciolirsi fino a scomparire completamente.

Naturalmente, però, per evitare che il succo si asciughi nel giro di pochi minuti, vi consigliamo di coprire il tutto con una benda oppure con una garza sterile.

Fieno greco

L’ultimo suggerimento che possiamo darvi è utilizzare il fieno greco.

Per usarlo al meglio, dovrete versare un cucchiaino di semi di fieno greco in una tazzina d’acqua e lasciarla in frigo per almeno 2 giorni.

Durante queste 48 ore, il composto diverrà un unguento a tutti gli effetti ed a voi non resterà che applicarlo sulle verruche per almeno una volta al giorno, fino a quando non comincerete a notare dei miglioramenti.

Teniamo a precisare, infine, che i suggerimenti appena dati non dovranno in alcun modo sostituire il parere del vostro dermatologo, anzi.

Prima di mettere in pratica i nostri consigli, accertatevi che la situazione non sia particolarmente seria e che, mettendo in pratica qualche rimedio naturale, non rischierete di andare incontro a degli effettivi peggioramenti.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons