Loading...

Crampi Notturni: cause e rimedi efficaci

crampiI crampi notturni sono contrazioni e spasmi muscolari involontari che possono interessare sia gli arti inferiori, sia le braccia e le mani. Danno molto fastidio, dato che hanno la capacità di farci svegliare nel pieno della notte, inficiando così la possibilità per il nostro corpo di riposare continuativamente.

Quali sono le cause? Vi si può porre rimedio? Vediamolo insieme.

Le cause dei crampi notturni

I crampi notturni possono avere diverse cause, vediamo insieme quelle più comuni:

  • Carenze di minerali, come potassio e magnesio. Vi siete mai chiesti perché i tennisti consumano banane durante i break? Proprio per reintegrare questi due minerali, senza i quali hanno luogo proprio i crampi.
  • Problemi al sistema circolatorio: in questo caso possiamo essere davanti ad insufficienze venose, con un afflusso di sangue al muscolo che non è sufficiente. Si tratta del problema più serio che può essere ricollegato alla presenza dei crampi notturni e ha sicuramente bisogno di essere posto all’attenzione del medico.
  • Disidratazione: possiamo provare a bere più acqua durante la giornata. Se i crampi spariscono, vuol dire che avremo individuato la causa e che quindi i nostri crampi non avranno più ragione d’essere.

Esistono rimedi efficaci?

Certo che si, anche se bisogna prima di tutto individuare le cause che hanno portato i nostri arti a svilupparli.

Nel caso di insufficienza di minerali, basterà aumentare la quantità di potassio e magnesio che assumiamo attraverso la nostra dieta: basta aggiungere salmone, banane, melone, fegato, semi oleosi e frutta secca per riuscire ad arginare il problema e tornare a vivere notti di assoluta tranquillità.

Nel caso invece di disidratazione, dovremo aumentare la quantità di acqua che assumiamo, cercando di raggiungere almeno i 2,5 litri al giorno. Si tratta di qualcosa da fare non solo per il nostro riposo notturno, ma più in generale per la salute del nostro corpo.

Nel caso in cui invece fossimo davanti a problemi di carattere cardiocircolatorio, sarà necessario ricorrere ad un consulto medico che prescriverà una terapia per aiutarci a tornare vivere in normalità.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons