Loading...

Creme solari: come riconoscerne una di qualità

Crema solare: come sceglierne una buona?Le creme solari sono un must per chi ama passare tanto tempo in spiaggia e non vuole subire quelli che sono gli effetti di una prolungata esposizione al sole.

In generale le creme solari, oltre a proteggere la pelle dai raggi solari, aiutano anche ad idratare ed a prevenire l’invecchiamento cutaneo.

Bisogna precisare, però, che non tutte le creme solari possiedono queste caratteristiche, anzi.

Esistono dei prodotti ottimi, è vero, ma esistono anche altri che risultano essere addirittura dannosi per la pelle.

Ecco perchè abbiamo deciso di dedicare un intero articolo all’argomento e di farvi capire quali sono i fattori da tener conto per poter scegliere una crema solare di ottima qualità.

Filtro solare

Tutte le creme solari possiedono dei filtri di protezione. Questi possono essere di origine chimica e/o fisica.

I filtri chimici derivano generalmente dal petrolio e sono molto pericolosi in quanto vengono assorbiti dalla pelle e possono causarle seri tumori.

I filtri fisici, invece, utilizzano delle sostante più naturali e inoltre, a differenza dei filtri chimici, fanno sì che i raggi solari non vengano assorbiti dalla pelle, ma che siano letteralmente respinti, evitando in questo modo surriscaldamenti della pelle.

Il consiglio che vi diamo in merito, dunque, è quello di evitare categoricamente tutti i prodotti che contengono filtri chimici, vale a dire:

  • Ethylhexyl Triazone
  • (4-MBC) Benzophenone -3(Bp-3)
  • Ethylhexyl Salicylate
  • Octyldimethyl PABA (OD-PABA)
  • Oxybenzone
  • Butyl Methoxydibenzoylmethane (Avobenzone)
  • Diethylhexyl Butamido Tiazone
  • 4-Methylbenzylidene Camphor
  • Octyl methoxycinnamate (OMC)
  • Para amino benzoic acid
  • Octyl salicylate
  • Cinoxate
  • Padimate O
  • Dioxybenzone
  • Phenylbenzimidazole
  • Homosalate
  • Sulisobenzone
  • Octocrylene
  • Trolamine salicylate
  • Menthyl anthranilate

Tra questi, il più pericoloso per la pelle è sicuramente l’Oxybenzone. Secondo alcuni studiosi americani, infatti, questo filtro causa pericolosi tumori alla pelle, soprattutto per via di applicazioni frequenti, come suggeriscono le stesse istruzioni sul retro di questi prodotti.

Scegliete, dunque, una crema solare che contenga filtri fisici, più naturali e molto più rispettosi della pelle.

Qualche esempio di filtro fisico è:

  • Biossido di titanio (TiO2)
  • Caolino
  • Magnesio
  • Ossido di ferro
  • Ossido di zinco (ZnO)
  • Talco

Questi filtri, oltre ad essere adatti alla pelle, sono anche certificati dall’AIAB e dall’ICEA.

Ingredienti pericolosi

Per rendere le creme solari resistenti all’acqua, alcune aziende solgono utilizzare dei petrolati e degli olii minerali assolutamente proibiti dalla certificazione eco-bio.

Oltre ad otturare i pori ed a causare, dunque, inestetismi della pelle e/o forti eruzioni cutanee, queste sostanze derivano dal petrolio e sono quindi altamente pericolose per la pelle e difficilmente biodegradabili.

Evitate, dunque, le creme solari che contengono: petrolatum, paraffinum liquidum, vaseline,mineral oil e paraffina.

Inoltre, evitate i siliconi in quanto donano alla pelle un finto effetto liscio e provocano cancro alla pelle.

Non acquistate creme solari che contengono: dimethiconolo, dimethicone e ciclomethicone.

Sun Protection Factor (SPF)

Un altro elemento da tenere in considerazione per scegliere una crema solare di qualità è il Sun Protection Factor.

Che cos’è?

Il Sun Protection Factor (SPF) è il fattore di protezione solare che specifica il grado di protezione solare.

Per capirci meglio, i numeri che trovate affiancati all’acronimo SPF stanno ad indicare il tempo durante il quale è possibile esporsi al sole senza subire danni alla pelle, in quanto protetta dal prodotto.

Se per esempio trovate sull’etichetta del prodotto l’acronicmo SPF seguito dal numero 40, vuol dire che potrete esporvi al sole per circa 40 minuti, senza subire quelli che sono i danni di una lunga esposizione ai raggi solari.

Se amate stare al sole per tanto tempo, vi suggeriamo di acquistare una crema solare che abbia il fattore di protezione solare pari ad almeno 30. Stesso discorso per i vostri piccoli.

Fototipo

Infine, per poter scegliere una crema solare adatta a voi, dovete considerare il vostro fototipo.

Che cos’è?

Il fototipo rappresenta il modo in cui un soggetto risponde all’azione dei raggi solari.

I fototipi possono essere di 6 tipi. Vediamo insieme quali sono nel dettaglio.

  • Fototipo I = Pelle chiara, capelli rossi, molto soggetti a scottature e non si abbronzano facilmente.
  • Fototipo II = Pelle chiara, capelli biondi, molto soggetti a scottature e si abbronzano difficilmente.
  • Fototipo III = Caratteristiche simili a quelle del fototipo I e II, leggermente soggetti a scottature e si abbronzano facilmente.
  • Fototipo IV = Pelle olivastra, raramente soggetti a scottature e tendenza ad abbronzarsi in maniera scura.
  • Fototipo V = Pelle scura, mai soggetti a scottature e tendenza ad abbronzarsi in maniera scura ed immediata.
  • Fototipo VI = Pelle nera, ma soggetti a scottature.

In base a quanto appena detto, effettuate la scelta giusta. Più il fototipo è basso e più il fotoprotettore deve essere alto, è matematico.

 

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons