Loading...

È vero che la marijuana non fa male?

hashishL’opinione pubblica, purtroppo, vive spesso di eccessi. Dopo aver demonizzato marijuana e droghe derivanti dalla canapa indiana, si è arrivati invece ora al punto durante il quale la marijuana, complice anche la legalizzazione in molti paesi, viene glorificata come pianta in grado addirittura di risolvere ogni malanno.

In questo articolo, al netto di quelle che sono le proprietà mediche, ci concentreremo su quelli che sono i potenziali effetti negativi del consumo di marijuana a scopo ricreativo.

Sì, perché checché se ne dica, sebbene sicuramente possa essere considerata una droga leggera, anche la marijuana può causare problemi.

1. Il primo problema: il fumo

L’inalazione della marijuana è un problema. Il metodo peggiore è di gran lunga quello della “sigaretta”, ovvero quando la marijuana viene rollata insieme al tabacco e fumata, spesso addirittura senza filtri. Qui ai danni causati dalla combustione della marijuana vanno aggiunti quelli che sono i danni causati dalla combustione del tabacco. 

Per giunta si fumano spesso le canne senza alcun tipo di filtro, il che le rende ancora più pericolose.

2. Dimostrati i danni sulla memoria a breve termine

Sono stati dimostrati anche i danni di breve e medio periodo sulla memoria. Non si tratta dunque soltanto di una leggenda metropolitana , ma piuttosto di un effetto documentato dell’uso di THC sulla memoria.

I fumatori abituali hanno in genere maggiori difficoltà a memorizzare, anche a distanza di molte ore dall’assunzione. Si tratta di un problema che è stato riconosciuto ed individuato dalla scienza in diverse ricerche e che dovremmo tenere in considerazione prima di consumare marijuana.

3. Danni all’apprendimento

Studi recenti avrebbero anche dimostrato che il consumo di marijuana causa problemi anche di carattere cognitivo. Per questo motivo sembrerebbe infatti che molti studenti fumatori abituali continuano ad avere rendimenti scolastici inferiori rispetto invece a chi non fuma. Si tratta di un problema noto da tempo, che è stato confermato da ricerche più recenti negli ultimi anni.

4. Disturbi di tipo emotivo

I fumatori abituali sono tra le altre cose purtroppo colpiti da disturbi di tipo emotivo. A parte depressione e ansia, la marijuana sembrerebbe, e ancora una volta è uno studio molto recente a dimostrarcelo, in grado di ridurre le capacità empatiche del soggetto. Chi fuma troppo, per intenderci, diventa un primitivo emozionale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons