Loading...

Epididimite: sintomi, cause e terapia per la guarigione

epididimoL’epididimite è una patologia di carattere infiammatorio a carico dell’epididimo, una sorta di tubo molto attorcigliato che stocca lo sperma, per poi farlo passare al momento della necessità.

Si tratta di una patologia seria e di interesse medico, che colpisce in genere gli uomini durante la loro età fertile e che può essere anche indice di altre patologie a carico dell’apparato genitale.

Vediamo di comprenderne insieme cause, la sintomatologia e le possibili cure.

Le cause dell’epididimite

L’epididimite ha cause piuttosto variegate, che comprendono:

  • Malattie sessualmente trasmissibili: in particolare clamidia e gonorrea, che possono risalire dalla parte esterna del pene fino, appunto, ai testicoli.
  • Infezioni batteriche e non virali, che sembrano avere incidenza più alta tra gli omosessuali.
  • Infezioni micotiche, anche se rare.
  • Uso di amiodarone, un medicinale che viene in genere somministrato contro l’aritmia cardiaca.

Come si riconosce?

L’epididimite ha una serie di sintomi piuttosto tipici, che aiutano il medico a fare una diagnosi piuttosto certa in pochi minuti dopo la visita:

  • Scroto che si presenta gonfio, arrossato o dolorante;
  • Dolore che si estende anche ad uno dei testicoli;
  • Dolore durante l’orinazione;
  • Dolore durante l’eiaculazione;
  • Febbre;
  • Brividi;
  • Testicolo gonfio;
  • Linfonodi inguinali gonfi;
  • Sangue nello sperma.

In presenza di questi sintomi è necessario rivolgersi al nostro medico curante o ad un urologo, che dopo le visite del caso ci indirizzeranno verso una terapia adeguata.

Come si cura?

Dipende dalle cause. Nel caso in cui si trattasse infatti di epididimite che è stata causata da malattie veneree, sarà necessario debellare le suddette malattia prima di poter pensare di recuperare in alcun modo. Si procede in genere con terapie a base di antibiotici, che dovranno essere portate al termine anche nel caso in cui i miglioramenti dovessero sembrare risolutivi.

Dopo alcuni giorni di terapia in genere i sintomi scompaiono, dato che si tratta di infezioni particolarmente sensibili agli antibiotici.

Nel frattempo bisogna adeguare il proprio stile di vita, cercando di evitare rapporti sessuali durante tutto il periodo della cura.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons