Loading...

Gengive che si ritirano: come curarle?

gengive ritirateCon il termine ”gengive ritirate”, o ”gengive che si ritirano”, in genere si intende una condizione conosciuta in ambito medico come recessione gengivale. Le gengive arretrano e si ritirano verso la radice del dente. Esteticamente è un danno terribile per chi ne è affetto, ma anche a livello di salute non si tratta certo di una buona notizia.

Il dente sembra allungato perché risulta più scoperto e spesso alle gengive che si ritirano si associano anche altre problematiche, come l’ipersensibilità dentinale, la piorrea (che può provocare la caduta dei denti) o infiammazioni di vario genere del cavo orale.

I denti più colpiti dalle gengive ritirate sono in genere i canini e i premolari, ma tutti i denti possono esserne afflitti. Comunemente la recessione gengivale colpisce chi non ha una corretta igiene orale.

Gengive ritirate: le cause

Come anticipato le cause si ritrovano spesso in una cattiva igiene orale, ma ci sono anche altre cause:

  • Spazzolamento inadeguato dei denti;
  • Fumo;
  • Parodontite;
  • Abitudine a consumare tabacco da masticare;
  • Stress;
  • Bruxismo;
  • Disturbi alimentari;
  • Malocclusioni dentali;
  • Affollamento dei denti;
  • Gengivite;
  • Patologie ereditarie.

Si consiglia di passare il filo interdentale e di avere una corretta igiene orale per evitare che le gengive si ritirino. Se non sapete quale sia il modo più corretto di spazzolare i denti, o quale sia lo spazzolino più adatto alle vostre esigenze, chiedete consiglio al vostro dentista.

Cura e prevenzione

Nei casi gravi si interviene con la chirurgia gengivale tramite:

  • Innesto di tessuto molle (conosciuto anche come autotrapianto di gengiva);
  • Impianto del dente (un trattamento piuttosto invasivo e drastico per eliminare il problema).

Per prevenire il problema o per curarlo, nei casi meno gravi basta la semplice corretta igiene orale. Per abbassare il rischio di problemi alle gengive consigliamo di utilizzare uno spazzolino con setole morbide.

I denti vanno spazzolati dalla gengiva al dente, non al contrario e mai orizzontalmente. Scegliete dentifrici con fluoro ed evitate di abusare di quelli con azione sbiancante. Effettuate una pulizia dei denti dal dentista almeno due volte all’anno. Anche i collutori possono aiutare con la corretta igiene orale. Per qualsiasi dubbio chiedete consiglio al vostro medico dentista. Non trascurate mai i problemi al cavo orale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons