Loading...

Gradi e diottrie: cosa sono?

Quando si ha qualche piccolo difetto alla vista si sentono tantissimi termini di cui spesso non si conoscono bene i significati. Ad esempio spesso si sente parlare di diottrie e gradi… ma cosa sono e quali sono le differenze?

Spesso si fa molta confusione tra questi termini, ma oggi cerchiamo di fare chiarezza una volta per tutte. Continua a leggere la nostra guida di oggi per chiarire finalmente il mistero.

Diottrie

Le diottrie sono l’unità di misura del potere rifrattivo della lente. Le lenti possono essere negative, ovvero che rimpiccioliscono (sono utili a chi soffre di miopia) o positive ovvero che ingrandiscono.

Con le diottrie si definisce la potenza che la lente deve avere per permettere all’occhio di vedere bene. Si differenziano dai decimi che si riferiscono invece alle capacità visive di un soggetto. Le diottrie sono quindi la correzione necessaria per fare in modo che un soggetto riesca ad avere la miglior visione possibile.

Vediamo ora di conoscere meglio cosa sono invece i gradi. Continua a leggere la nostra guida di oggi!

Gradi

I gradi sono relativi all’astigmatismo ovvero un errore refrattivo dell’occhio che viene corretto con delle lenti cilindriche a differenza della miopia, della presbiopia e dell’ipermetropia che vengono corrette con lenti sferiche.

Le lenti cilindriche si montano rispettando un certo asse. Quindi quando la lente viene montata verticalmente si dice che l’asse è a 90 gradi, se invece la lente viene montata in modo orizzontale, si dice che l’asse è a 180 gradi.

Abbiamo preso solo due esempi, ma ci sono anche tutte le diverse gradazioni intermedie. Si capisce quindi che con i gradi si esprime l’orientamento della lente che deve correggere il problema di astigmatismo.

È molto comune sentir dire da un soggetto miope che gli mancano due gradi di vista, ma non si tratta del termine giusto dato che l’affermazione è scorretta. È corretto dire invece “mi mancano due diottrie”.

I gradi sono riservati ai soggetti che soffrono di astigmatismo. Ora che conosci bene la definizione potrai usare anche i giusti termine senza più temere di sbagliare. A presto e continua a seguire sempre le nostre guide!

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons