Loading...

I farmaci anti-Parkinson possono causare l’eiaculazione precoce

eiaculazione precoceI Farmaci contro il Parkinson possono causare eiaculazione precoce negli uomini con Parkinson, secondo un recente studio.

Lo studio “Eiaculazione precoce acquisita nel morbo di Parkinson e possibili meccanismi” è stato pubblicato sull’International Journal of Impotence Research, con risultati molto interessanti per chi soffre di questa patologia.

L’eiaculazione precoce è una comune disfunzione sessuale maschile e può essere fonte di grave disagio negli uomini e nelle loro partner.

Questa disfunzione può essere classificata in eiaculazione precoce permanente (LPE) e eiaculazione precoce acquisita o secondaria (APE). Mentre con LPE, i pazienti presentano l’eiaculazione precoce indipendentemente dai partner sessuali, quelli con APE sviluppano l’eiaculazione precoce dopo aver avuto esperienze precedenti di eiaculazione normale.

Le informazioni sulla prevalenza di LPE e APE sono scarse e le auto-valutazioni dei pazienti spesso sono in conflitto con la diagnosi da parte del medico.

Tra le principali cause di APE, vi sono: l’ansia da prestazione sessuale, problemi psicologici o di relazione e disfunzione erettile, oltre a cause mediche, come ipertiroidismo e prostatite o infiammazione della prostata.

Rispetto agli uomini con LPE, quelli con APE sono in genere più anziani, hanno un indice di massa corporea superiore e hanno anche una maggiore incidenza di ipertensione e diabete mellito, tra le altre condizioni.

La disfunzione sessuale è comune negli uomini con il morbo di Parkinson: colpisce il 40,6-51,5 per cento di questa tipologia di pazienti; tuttavia, questi problemi non sono stati studiati in dettaglio. La disfunzione erettile e l’eiaculazione precoce sono le forme predominanti di disfunzione sessuale in questa popolazione di pazienti.

Lo studio ha descritto il percorso di otto uomini seguiti tra il 2008 e il 2014, che hanno frequentato uno specialista in terapia sessuale a causa della nuova comparsa di eiaculazione precoce.

L’età media dei pazienti all’inizio del Parkinson del Parkinson era di 57,3 anni e 62,6 anni all’inclusione nello studio. La metà aveva una normale funzione eiaculatoria prima della diagnosi di Parkinson, mentre i rimanenti quattro si sono ritrovati con un’eiaculazione entro due o tre minuti, senza che ci fossero problemi di sorta.

Tutti i pazienti hanno riportato una significativa riduzione del tempo di latenza della eiaculazione intravaginale (il tempo impiegato da un uomo per eiaculare durante la penetrazione vaginale) dopo la diagnosi di Parkinson.

Tre pazienti hanno mostrato un’eiaculazione precoce grave, il che significa che l’eiaculazione si è verificata prima della penetrazione, mentre quattro hanno riferito dell’eiaculazione immediatamente dopo la penetrazione vaginale. Inoltre, in alcuni pazienti si sono verificati disfunzione erettile e / o desiderio sessuale alterato.

Da notare che tutti i pazienti stavano assumendo farmaci antiparkinsoniani ad inizio di eiaculazione precoce, tra cui levodopa in due pazienti, agonista della dopamina in tre ed entrambi in un paziente. Sono stati utilizzati anche Azilect (rasagilina), amantadina e un farmaco anticolinergico.

I farmaci psichiatrici includevano amitriptilina, Remeron (mirtazapina) e Zyprexa (olanzapina), presi da tre pazienti. Quattro pazienti hanno avuto ipertensione, mentre sono stati riportati casi di cardiopatia ischemica, diabete mellito, iperlipidemia (colesterolo alto), ipertrofia prostatica benigna (ingrossamento della ghiandola prostatica) e insufficienza cardiaca cronica.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons