Loading...

Il morbo di Crohn si può curare?

morbo di crohn sintomiIl morbo di Crohn è una malattia che purtroppo interessa migliaia di italiani. L’incidenza è in aumento e anche i bambini iniziano a soffrirne. Il morbo di Crohn fa parte delle malattie infiammatorie croniche dell’intestino (conosciute comunemente come MICI).

La causa che da origine all’infiammazione cronica è ad oggi ancora sconosciuta, ma la ricerca si impegna ogni giorno per riuscire a capire da dove abbiano origine queste patologie. Sappiamo che le MICI non sono malattie ereditarie, ma quando in famiglia c’è qualcuno che ne è affetto, la probabilità di ammalarsi aumenta.

Il morbo di Crohn è stato individuato soltanto in epoca recente, nel 1932. Esso può essere diagnosticato in tutto il canale alimentare e creare danni dalla bocca fino all’ano. Nella maggior parte dei casi affligge la parte terminale dell’intestino tenue e anche alcuni tratti del colon.

Sintomi

Molto spesso i segmenti intestinali interessati dalla malattia appaiono molto infiammati, edematosi, ispessiti e addirittura ulcerati. I danni provocati dalla malattia sono costanti e progressivi, ma per fortuna compaiono molto lentamente.

Spesso compaiono anche perforazioni e emorragie e/o ascessi e fistole. I sintomi più comuni del morbo sono:

  • Diarrea (senza sanguinamento, con sanguinamento, con emissione di muco rettale o senza emissione di muco);
  • Dolori addominali;
  • Dimagrimento;
  • Malassorbimento delle sostanze nutritive;
  • Febbre;
  • Mancanza di appetito.

Se notate di avere sintomi ricorrenti simili a quelli precedentemente elencati, vi consigliamo di consultare il medico e di richiedere tutti gli esami necessari per ottenere una diagnosi.

Diagnosi e terapia

La diagnosi per il morbo di Crohn si effettua tramite il controllo di alcuni valori specifici e tramite vari esami, come:

  • VES;
  • Albuminemia;
  • Coprocultura;
  • Ricerca di anticorpi;
  • Ricerca di sangue nelle feci;
  • Ecografia addominale;
  • Colonscopia;
  • Scintigrafia;
  • TAC;
  • Radiologia dell’addome;
  • Endoscopia;
  • Biopsia del tessuto.

Purtroppo non siamo ancora a conoscenza di una cura risolutiva per il morbo di Crohn, ma sono disponibili terapie di mantenimento per tenere sotto controllo i sintomi. L’intervento chirurgico non sempre è la scelta risolutiva perché oltre l’80% dei pazienti accusa la comparsa di una recidiva nel giro di pochi mesi o un anno.

Per la  terapia serve una diagnosi specifica. In genere si opta per una dieta appositamente pensata per il paziente accompagnata dall’assunzione di farmaci specifici.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons