Loading...

La corretta postura in ufficio: 3 consigli utili

Quello in ufficio è un lavoro prettamente sedentario. Questo però non significa che non sia un lavoro usurante. Passare tante ore seduti ad una scrivania, davanti al pc o alle carte, può comunque causare dei danni al benessere psicofisico.

A fine giornata, infatti, si potrebbero avvertire pesantezza e bruciore agli occhi, mal di testa e dolori cervicali. Inoltre potrebbero far male le spalle, la schiena e le braccia. Anche le gambe risentono dello stare troppo tempi seduti alla scrivania.

Per fortuna, seguendo alcune semplici dritte, è possibile svolgere il proprio lavoro in modo salutare e idoneo. In questo articolo, in particolare, vedremo 3 consigli utili per avere una postura corretta in ufficio.

Postura perfetta in 3 mosse

Seduta: utilizzate sedie ergonomiche in cui è possibile regolare l’inclinazione dello schienale e l’altezza della seduta. Generalmente lo schienale deve essere dritto e la seduta deve accogliere i glutei e permettere ai piedi di toccare facilmente a terra.

Cercate di non incrociare le gambe così da favorire la circolazione. Schermo: se il proprio lavoro prevede l’utilizzo di un pc, lo schermo va tenuto tra i 50 e i 70 cm di distanza dai propri occhi.

Inoltre deve essere posizionato in basso per ridurre lo sforzo dei muscoli oculari. Lo schermo, inoltre, deve essere pulito accuratamente e con un’illuminazione adeguata.

Scrivania: il piano da lavoro deve stare ad una giusta altezza rispetto alla seduta. Deve anche essere sufficientemente ampio da permettere una giusta mobilità. Gli avambracci devono potersi poggiare sulla scrivania in modo rilassato. Non incurvare la schiena in avanti.

Stretching a fine lavoro

Seguendo questi 3 semplici consigli è possibile avere e mantenere in ufficio una postura corretta. Basta pochi semplici accorgimenti, infatti, per non sentirsi uno straccio a fine giornata.

Inoltre, vi consigliamo di fare alcuni esercizi di stretching per distendere i muscoli dopo il lavoro. Alcuni esercizi possono essere svolti direttamente in ufficio per rilassare collo e spalle. Altri vanno eseguiti a casa, distesi a terra.

Durante lo stretching cercate di respirare col diaframma. Se non avete idea di come si faccia, immaginate di gonfiare un palloncino all’altezza della vostra pancia. Se state respirando in modo corretto sarà questa a gonfiarsi e non lo sterno.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons