Loading...

Le controindicazioni del ginseng

Rinomata radice dalla forma vagamente antropomorfa, il ginseng è un valido alleato durante i periodi di stress e fatica, ma può presentare anche controindicazioni.

Conosciamolo meglio e scopriamo non solo i suoi pregi, ma anche i suoi difetti.

Proprietà del ginseng

Utilizzato fin dall’antichità il ginseng è rinomato per essere di aiuto al generale benessere del corpo.

Questa radice è un concentrato di vitamine, polisaccaridi, olii essenziali e ha numerosissime proprietà utili al corpo umano. Vediamole brevemente insieme:

  • Migliora la memoria;
  • Contiene numerosi probiotici che aiutano la digestione;
  • Aiuta a contrastare il colesterolo;
  • E’ un antiossidante;
  • Ha proprietà energizzanti e rinvigorenti grazie all’ossido nitrico;
  • Aiuta a migliorare le difese immunitarie e mentali.

Ma non è tutto oro quel che luccica! Andiamo a scoprire le controindicazioni del prodotto.

Il ginseng ha anche controindicazioni?

Al pari degli altri vegetali che hanno proprietà simili, il ginseng migliora la resistenza del corpo agli agenti esterni e, come per tutti gli alimenti, la cosa primaria da considerare per non incorrere in eventuali controindicazioni è non superare mai la dose consigliata.

Questa dose è fissata in 150 mg al giorno se in estratto e da 0,6 a 2,5 g al giorno se assunta in radice secca.

Le eventuali controindicazioni non devono mai essere sottovalutate, così come le interazioni con eventuali farmaci. Per questo bisogna sempre consultare il proprio medico di fiducia nel momento in cui si decide di far un uso continuo di questa preziosa radice.

Bisogna assolutamente evitare l’uso del ginseng se soffriamo di ipertensione, se abbiamo una tendenza ad avere piccole emorragie causate da una cattiva circolazione o in caso di gravidanza.

Numerosi, inoltre, sono gli effetti collaterali dovuti all’assunzione massiccia e quotidiana. Tra i principali ricordiamo effetti lievi quali:

  • Irrequietezza;
  • Ipertensione leggera;
  • Mal di testa;
  • Diminuzione della fame;
  • Diarrea;
  • Aumento della pressione;
  • Insonnia.

Un sovradosaggio inoltre può causare sintomi decisamente più gravi quali:

  • Incontinenza;
  • Aumento della temperatura corporea;
  • Aumento dei battiti cardiaci;
  • Crisi epilettiche;
  • Stati confusionali;
  • Eruzioni cutanee.

Tutti questi effetti sono accentuati se assumiamo anche altre sostanze eccitanti come il caffè o bevande a base di teina.

Evitiamo, quindi, dosi massicce e soprattutto periodi troppo lunghi di assunzione.

Per trarre solo il meglio da un prodotto naturale come questo, ricchissimo di validi aiuti per una vita sana ed equilibrata, basta attenersi alle dosi consentite.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons