Loading...

Malformazione tubo neurale del feto: come prevenirla

acido folicoLa malformazione del tubo neurale nel feto è una delle cause più comuni di problemi congeniti molto gravi, tra i quali conoscerete sicuramente la spina bifida.

Negli ultimi anni la scienza ha fatto passi da gigante nella conoscenza e nella prevenzione di tali malformazioni e ha trovato la chiave, così come ci ricorda anche il Ministero della Sanità, nell’acido folico, un nutriente che può essere assunto sia tramite gli alimenti tradizionali, sia sotto forma di integratore.

Ovviamente non può essere il feto ad assumere l’acido folico, ma questo gli dovrà essere fornito dalla madre, che dovrà modificare la sua dieta di conseguenza, ricorrendo, quando necessario, anche a integratori alimentari che contengano questa sostanza.

Quando e perché assumere l’acido folico in gravidanza

Il tubo neurale, la cui malformazione o sottosviluppo possono essere responsabili di problemi importanti, su tutti la spina bifida, si forma entro i primi 30 giorni dal concepimento.

L’acido folico, dunque, che dovrebbe prevenire suddette malformazioni, deve essere assunto durante tutto il primo e il secondo mese di gravidanza.

Questo almeno era quello che si credeva fino a qualche mese fa. Sì, perché le cose stanno in modo leggermente diverso e potrebbero creare qualche problema a chi affronterà una gravidanza non pianificata.

Necessario assumere l’acido folico PRIMA della gravidanza

Secondo le più recenti ricerche, sarebbe necessario assolutamente assumere l’acido folico non a concepimento avvenuto, ma almeno un mese prima dalla fecondazione dell’ovulo. Si tratta del periodo che sarebbe in grado effettivamente di fare la differenza e per questo motivo il vantaggio, quando si pianificano le gravidanza, è davvero grande.

Ma quanto se ne deve assumere?

La quantità consigliata dalle autorità sanitarie per quanto riguarda l’acido folico pre-gravidanza è di 0,2 mg al giorno.

Successivamente al concepimento è necessario però muoversi sul doppio della quantità, ovvero su 0,4 mg al giorno.

Come conviene assumere l’acido folico?

L’acido folico può essere assunto sia per via alimentare, sia come integratore.

Nel primo caso però diventa molto complicato calcolare le quantità, in quanto la cottura e la preparazione dei cibi possono degradare l’acido folico e quindi ridurne le quantità presenti.

I medici in genere preferiscono dunque ricorrere agli integratori, che garantiscono dosi certe e quindi liberano dai pericoli.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons