Loading...

Olio di cocco: strucca gli occhi?

Le informazioni sulle proprietà più o meno benefiche dell’olio di cocco inondano ormai la rete da diversi anni, alternandosi tra fasi di adorazione e celebrazione a fasi di condanna, dove viene addirittura additato come la causa di svariati problemi

Troveremo sostenitori dei suoi effetti miracolosi per l’idratazione della pelle e dei capelli, o dei suoi benefici come struccante, e suoi detrattori che lo accusano di essere un ingrediente nocivo, che occlude i pori, rende pesanti i capelli. Cerchiamo di capire meglio quali sono le verità su questo prodotto.

Uno struccante naturale che funziona, ma non per tutti

Come spesso accade vanno considerati diversi fattori: per cosa usiamo l’olio di cocco e soprattutto chi lo usa, perchè davvero questo prodotto può avere effetti ottimi, seppur non miracolosi, su alcune pelli, mentre essere un disastro su altre.

In questo articolo ci occuperemo nello specifico dell’uso dell’olio di cocco come struccante occhi, ma non va dimenticato il largo uso che se ne può fare, soprattutto nella cura dei capelli, ed anche in quel caso andranno osservati gli stessi accorgimenti che dovremmo seguire per l’uso dell’olio come struccante.

Ovvero se abbiamo capelli e cute grassa l’uso di un olio così ricco potrebbe semplicemente aggravare una situazione di per sé non ideale, in questi casi meglio usare un olio più leggero come ad esempio l’ olio di mandorle.

L’olio di cocco, in particolare quello certificato bio e puro al 100%, funziona, perché secondo il principio del “simile attira il simile” attrae il make-up, anche quello waterproof, impurità della pelle e residui senza intaccare il microfilm lipidico dell’epidermide.

Pur essendo adatto a pelli normali e secche, dobbiamo avere l’accortezza di procedere ad un’accurata rimozione dell’olio con dell’acqua tiepida dopo il procedimento.

Dovessimo avere la sensazione di una pelle non ancora ben detersa, possiamo procedere ad una rimozione completa utilizzando il nostro detergente abituale.

Attenti allo stato di salute della vostra pelle

Come risulta evidente anche in questo caso la verità sta nel mezzo, non sempre “naturale” corrisponde a “benefico”, o comunque non per tutti, ogni persona costituisce un caso a sé.

Bisogna conoscere la propria pelle ed il suo stato di salute, magari chiedendo prima il consulto di un medico o dermatologo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons