Loading...

Prepararsi a diventare un velocista: i 100 metri

100 metri corsaLa gara sui 100 metri è la prova di velocità per eccellenza, che ogni quattro anni alle Olimpiadi stabilisce quali sono l’uomo e la donna più veloci al mondo.

Tratteremo ora la preparazione necessaria per dare il massimo sui 100 metri, un allenamento ben preciso e diverso da quelli riferiti a qualsiasi altra distanza.

L’allenamento

Per essere più veloci sui 100 metri dovrete semplicemente allenarvi con criterio a ricoprire la distanza prefissata, con sedute di allenamento composte da attività pre-atletiche e corsa cronometrata.

Attività di riscaldamento

Ogni allenamento sulla corsa di 100 metri dovrà essere preceduto da almeno 20 minuti di attività pre-atletiche.

Cominciate con 10 minuti di corsa lenta. Dopo di che, altri 6-7 minuti saranno dedicati al riscaldamento con apertura delle gambe, chiusura, skip, corsa calciata e allunghi. Chiudete con un po’ di stretching.

Corsa cronometrata

Dopo le attività pre-atletiche arriva finalmente l’allenamento vero e proprio sui 100 metri.

Chiedete a qualcuno di tenere traccia del vostro tempo, in modo da controllare i miglioramenti corsa dopo corsa.

 

Frequenza

L’ideale sarebbe correre a giorni alternati, ossia tre o quattro volte alla settimana.

Allenarsi tutti i giorni non è corretto, perché per un corretto sviluppo il fisico ha bisogno di riposo.

Consigli pratici

Per un buon tempo sui 100 metri ogni piccolo dettaglio farà la differenza. Ecco qualche consiglio per migliorare di qualche centesimo.

1. Partenza

Allenatevi a far forza sia con le gambe che con le braccia, per passare rapidamente dalla posizione piegata di partenza a quella eretta per la corsa.

2. Resistenza

100 metri sono velocità, ma anche resistenza a mantenere sempre lo stesso andamento senza rallentare.

Per allenare la resistenza, una volta alla settimana percorrete 200 metri anziché 100, cercando di non superare il doppio del tempo che impiegate nei 100 metri.

3. Arrivo

Nei 100 metri anche qualche millesimo di secondo può essere decisivo. Appena prima della linea del traguardo spingete il petto in avanti, visto che sarà quella la parte del corpo che determinerà il vostro arrivo ufficiale.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons