Loading...

Puntini bianchi sui capezzoli: possibili cause e possibili rimedi

A volte si possono notare dei piccoli puntini bianchi sui capezzoli, soprattutto durante l’allattamento, ma vi siete mai chieste cosa sono?

Ebbene, questi puntini si chiamano tubercoli e sono visibili soprattutto se la donna è incinta e durante l’allattamento, dato che hanno il compito di secernere una sostanza che protegge e lubrifica i capezzoli.

A volte i puntini bianchi sono sintomi di un’infezione da funghi. Vediamo ora di approfondire e di capire meglio cosa accade.

Puntini bianchi sui capezzoli

Come anticipato, se sono tubercoli non c’è nulla da temere. In caso il capezzolo sia dolorante, potrebbe trattarsi di un fungo, di un’ostruzione, di un’infezione o di un accumulo di latte.

Questa condizione può essere dolorosa tanto che la mamma potrebbe pensare di non allattare più. Se il puntino compare quando la donna non è in gravidanza, potrebbe essere causato da un’infezione.

Se le secrezioni sono sierose e liquide, potrebbero essere causate da naturali cambi ormonali, ma potrebbero anche associarsi a tumori benigni o maligni al capezzolo, anche se in caso di tumore la perdita è accompagnata dal sangue.

Queste secrezioni non sono dovute alla gravidanza e all’allattamento e possono comparire persino negli uomini in caso di un cancro. Queste secrezioni possono comparire in donne che hanno smesso di allattare da più di un anno, in donne in menopausa e anche in donne che non hanno mai avuto figli. In questo caso è necessario contattare il medico.

Ingorgo di latte: cause e sintomi

I puntini bianchi possono essere causati dall’ingorgo di latte al capezzolo che provoca sintomi, come:

  • Tensione al seno;
  • Dolore al seno;
  • Dolore al capezzolo;
  • Malessere generale;
  • Difficoltà per il bambino di attaccarsi per la poppata.

Le cause per cui si blocca un dotto possono essere:

  • Alimentazione scorretta;
  • Vestiario eccessivamente aderente;
  • Stanchezza.

Il dolore può essere causato anche da mastite, provocata a sua volta da batteri che vede la comparsa di sintomi come: malessere generale, dolore, tensione del seno, arrossamento e calore.

Cura

Solo il medico potrà consigliare la corretta terapia, ma in caso di semplice congestione è possibile fare impacchi freddi, massaggi al seno e impacchi caldi di massimo due minuti. Anche tentare di spremere il seno per alleggerire la congestione può rappresentare un aiuto.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2019 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons