Loading...

Quali sono i sintomi del morbo di Crohn?

morbo di crohn sintomiIl morbo di Crohn è una malattia che affligge migliaia di italiani e l’incidenza è in continuo aumento. Persino i bambini iniziano a soffrire molto presto di malattie infiammatorie croniche che interessano l’intestino (MICI) e tra queste patologie si annovera anche il morbo di Crohn.

La causa scatenante dell’infiammazione cronica all’intestino è ancora sconosciuta, ma la ricerca scientifica lavora ogni giorno per svelare i misteri di queste patologie. Le MICI non sono malattie ereditarie, ma l’incidenza aumenta quando in famiglia c’è qualcuno che ne soffre.

Il morbo di Crohn è stato scoperto solo nel 1932, dai medici Crohn da cui la malattia prende il nome. Il morbo di Crohn può comparire in tutto il canale alimentare, quindi dalla bocca fino ad arrivare all’ano. La maggior parte dei casi interessa la parte terminale dell’intestino tenue e alcuni tratti del colon, ma quali sono i sintomi del morbo di Crohn? Nell’articolo di oggi cercheremo di rispondere alle vostre domande sulla sintomatologia.

Sintomi

In genere i segmenti intestinali interessati dal morbo risultano edematosi, infiammati, ispessiti e anche ulcerati. Questi danni sono costanti e progressivi, anche se compaiono lentamente.

Possono anche comparire ascessi e fistole, perforazioni ed emorragie. Ad oggi per il morbo di Crohn non esistono cure, ma solo terapie di mantenimento che riescono ad arginare i sintomi. Purtroppo anche l’intervento chirurgico di rimozione della parte malata dell’intestino nell’80% da origine a una recidiva entro pochi mesi.

sintomi del morbo che si riscontrano nella maggior parte dei pazienti sono:

  • Diarrea sia con che senza sanguinamento o con o senza emissione di muco rettale;
  • Diarrea con dolori addominali;
  • Febbre;
  • Dimagrimento;
  • Mancanza di appetito;
  • Malassorbimento delle sostanze nutritive.

Diagnosi

Se avvertite sintomi ricorrenti simili a quelli elencati, vi consigliamo di consultare il vostro medico per ottenere una diagnosi approfondita. Per la terapia è necessaria una diagnosi accurata. In genere una dieta appositamente creata accompagnata all’assunzione di farmaci specifici riesce ad arginare la malattia e a tenere a bada i sintomi.

La diagnosi si effettua tramite il controllo di:

  • VES;
  • Albuminemia;
  • Coprocultura;
  • Ricerca di sangue nelle feci;
  • Ricerca di anticorpi.

Vanno fatti anche alcuni esami specifici, come ad esempio:

  • Ecografia addominale;
  • Scintigrafia;
  • Radiologia dell’addome;
  • TAC;
  • Colonscopia;
  • Biopsia del tessuto;
  • Endoscopia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons