Loading...

Respirazione Diaframmatica: cos’è e perchè è un bene praticarla?

diaframmaLa respirazione diaframmatica non è nulla di misterioso o di mistico, ma piuttosto quello che dovrebbe essere il nostro modo “normale” di respirare.

Fare un test è davvero semplice: mettete una mano sul vostro addome e inspirate. Sentite dei movimenti? Se sì, potrete sicuramente smettere di leggere questo articolo.

In caso contrario fareste bene a continuare a leggere, dato che potremmo essere di fronte ad una respirazione non adeguata, che potrebbe causare problemi sul medio e lungo periodo e che va, nel tempo più breve possibile, corretta.

Vediamo insieme di saperne di più su respirazione diaframmatica e dintorni, per tornare ad essere in salute da quello che è il processo più importante per gli esseri viventi, ovvero la respirazione stessa.

Perché la mia respirazione non è diaframmatica?

Le risposte sono molteplici anche se in genere la respirazione non diaframmatica è in genere imputabile ai seguenti fattori:

  • Stress;
  • Ansia;
  • Ritmi di lavoro troppo intensi;
  • Stati di preoccupazione costanti;
  • Problemi di postura;
  • Problemi di carattere sociale, familiare etc.

Si tratta dunque di problemi che appartengono più alla sfera emotiva che a quella fisica, motivo per il quale, paradossalmente, potrebbe essere addirittura più difficile correggere questo tipo di situazione, rispetto al caso in cui fosse invece un problema di carattere principalmente fisico.

I problemi causati da una respirazione non diaframmatica

I problemi causati da una respirazione che non è diaframmatica sono più che noti e potrebbero far peggiorare decisamente la qualità della vostra vita. Li elenchiamo di seguito, allo scopo di fornirvi strumenti utili per una diagnosi di quello che è il problema oggetto del nostro speciale:

  • Ritrazione del diaframma;
  • Cervicalgie;
  • Dolori a livello cervicale;
  • Difficoltà di respirazione;
  • Gastrite;
  • Problemi di asma;
  • Problemi a livello ginecologico;
  • Dolori lombari;
  • Problemi di circolazione.

Si tratta di problematiche piuttosto evidenti e gravi, che dovrebbero essere corrette quanto prima.

Come si può sbloccare il diaframma?

Per sbloccare il nostro diaframma, avremo bisogno di almeno 10 minuti al giorno per cercare di recuperare un buon rapporto col nostro corpo e la nostra mente.

Cominciamo sdraiandoci supini, con le gambe inarcate e poi cominciamo a respirare. Mettiamoci una mano sulla pancia e inspiriamo a fondo. Dopo aver ripetuto la respirazione per più volte, potremo finalmente sentire la pancia che si gonfia e il diaframma che si muove.

Si tratta di un esercizio da ripetere ogni giorno, possibilmente al mattino. Dopo qualche settimana di pratica, riusciremo a recuperare la nostra respirazione diaframmatica.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons