Loading...

Rimedi per la fascite plantare

Fascite plantare: come alleviarne il doloreLa fascite plantare è un’infiammazione del legame arcuato particolarmente frequente negli sportivi in quanto, più degli altri, tendono a mettere sotto sforzo entrambi gli arti inferiori.

Quali sono le cause?

Le cause della fascite plantare possono essere molteplici.

Tra queste, le più comuni sono da ricercarsi in:

  • Scarpe inadeguate;
  • Allenamenti eccessivi;
  • Postura errata durante l’attività sportiva;
  • Contratture ai muscoli delle gambe

Sono proprio questi fattori che vanno a provocare tutta una serie di microtraumi che, se ripetuti, vanno ad infiammare il periostite ed a provocare così microlacerazioni a livello della fascia del tessuto fibroso.

Se l’infiammazione non è acuta, è possibile intervenire in diversi modi per provare quantomeno a far diminuire quelli che sono i sintomi dell’infiammazione.

Se volete sapere come fare per alleviare il dolore, continuate a leggere quest’articolo.

Riposo

Solitamente, il dolore tipico della fascite plantare tende ad attenuarsi da solo nel giro di 5 – 6 mesi.

Ovviamente, durante questo periodo, è necessario rimanere a riposo e non sottoporre la pianta del piede a nessun tipo di sforzo.

Scarpe ortopediche

Se i microtraumi sono la conseguenza di calzature poco confortevoli e/o consumate che non riescono più a garantire alcun appoggio al piede, vuol dire che è giunto il momento di acquistarne un paio nuovo.

Per garantire all’arco del piede il giusto appoggio, vi consigliamo di acquistare non un paio di scarpe qualunque, ma quelle ortopediche.

Grazie al plantare di cui sono dotate queste scarpe, il tallone verrà rialzato di circa 1 cm e, automaticamente, non dovrà più sopportare da solo tutto il peso del corpo.

Ghiaccio

Anche il ghiaccio è ottimo per alleviare il dolore tipico della fascite plantare.

Per riuscire a sopportare con più facilità il freddo eccessivo del ghiaccio, vi consigliamo di avvolgerne qualche cubetto in un canovaccio e di tenerlo sul piede per almeno 20 minuti.

Ripetete l’operazione 3/4 volte al giorno.

Nel caso in cui il ghiaccio da solo non dovesse avere alcun effetto, vi consigliamo di farvi prescrivere dal vostro medico di fiducia qualche antinfiammatorio oppure un farmaco antidolorifico, nel caso in cui il dolore fosse diventato insopportabile.

Artiglio del diavolo

L’artiglio del diavolo è il nome con il quale ci si riferisce all’Arpagofito, una pianta rampicante molto nota nel settore erboristico.

L’artiglio del diavolo risulta essere particolarmente efficace in situazioni di forte dolore ed infiammazione (come tendiniti, artrite, mal di schiena e fasciti plantare).

Una volta acquistato il prodotto (sottoforma di pomata), spalmatelo sulla zona dolorante del piede almeno 2 – 3 volte al giorno.

Salice bianco

Il salice bianco è una pianta dotata di molteplici proprietà antidolorifiche ed antipiretiche. Ecco perchè può essere tranquillamente utilizzata in caso di fascite plantare.

Per acquistare delle compresse contenenti estratti di salice bianco, potete tranquillamente recarvi in erboristeria ed assumerne una al giorno subito dopo i pasti.

Stretching

Per alleviare il dolore tipico della fascite plantare, potete provare anche ad effettuare alcuni esercizi di stretching.

Lo stretching, infatti, aiuta a distendere i tessuti muscolari, favorendone una guarigione immediata.

Uno degli esercizi più efficaci, in caso di fascite plantare, consiste nel sedersi a terra e tenere la gamba del piede dolente tesa in avanti e l’altra piegata.

Cercate di tenere quanto più potete il piede diritto ed appoggiate per terra soltanto sul tallone.

Una volta fatto questo, impugnate un asciugamano alle estremità ed avvolgete il piede dolente.

Tirate delicatamente l’asciugamano verso il busto e cercate di mantenere quella posizione per 30 secondi, dopodichè ripetete l’esercizio per altre 3 – 4 volte.

Prima di effettuare qualsiasi tipo di esercizio, però, vi consigliamo di chiedere il parere di un fisioterapista onde evitare conseguenze dannose.

Verbena, assenzio, parietaria ed echinacea

Per alleviare il dolore tipico della fascite plantare, infine, potete provare ad utilizzare la verbene.

In che modo?

  1. Prendete una manciata di foglie di verbene ed immergetele in una pentola piena d’acqua.
  2. Accendete la fiamma e fate arrivare a bollore.
  3. Dopo un quarto d’ora, filtrate la soluzione ed immergeteci dentro un panno.
  4. Strizzatelo per bene, dopodichè applicatelo sulla zona dolorante.
  5. Fatelo rimanere lì per 20 minuti circa e ripetete l’operazione per più volte al giorno.

Al posto della verbene, potete tranquillamente utilizzare l’assenzio, la parietaria e/o l’echinacea, tutte piante dotate di enormi proprietà antinfiammatorie.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons