Loading...

Sale: quanto se ne può consumare al giorno?

saleIl sale è, ormai da qualche anno, ritenuto finalmente uno degli elementi più pericolosi per il nostro corpo. I cibi negli anni, soprattutto quelli consumati fuori dalle mura domestiche, sono diventati sempre più salati e il tutto è ormai definitivamente fuori controllo.

Ipertensione, problemi cardiaci, disidratazione, sono questi alcuni dei problemi causati dall’abuso di sale.

Ma quanto ne possiamo consumare al giorno senza troppe preoccupazioni per la nostra salute? Vediamolo insieme, seguendo quelle che sono le indicazioni delle maggiori autorità mondiali in campo sanitario.

2 grammi di sodio al giorno

Il limite che viene fornito dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, non fa riferimento direttamente al sale da cucina, ma piuttosto al sodio. Si tratta di un elemento che oltre certe dosi è deleterio e questa soglia è fissata dall’OMS a 2 grammi al giorno.

Abbiamo fatto il primo passo, ora non ci serve altro che convertire il tutto… in sale.

Circa un cucchiaino di sale al giorno, al massimo

Se contiamo che in ogni grammo di sale ci sono circa 0,4 grammi di sodio, l’equazione è presto fatta. Il limite massimo sopra il quale non salire diventa infatti quello di 5 grammi di sale da cucina comune al giorno, una quantità che è più o meno quella contenuta in un cucchiaino da dolce.

Si tratta di una quantità relativamente minima, della quale dovremo tenere traccia se vogliamo evitare gli effetti nocivi del sale sulla salute.

Non contare solo il sale

A creare problemi non è il sale in sé, ma piuttosto il sodio. Al computo dovranno dunque essere aggiunte anche le quantità di sodio presenti in tutti i cibi, compresi quelli consumati fuori di casa.

Si tratta di un conto purtroppo non semplice, ma che è necessario per evitare tutti i problemi di salute collegati al consumo eccessivo di sodio attraverso la dieta.

Per quanto riguarda il sale utilizzato mentre si cucina, meglio stare al di sotto di quanto segnalato dall’OMS, in quanto molto del sodio che consumiamo (se mangiamo spesso fuori casa può superare il 60%) non deriva da quello che aggiungiamo noi mentre cuciniamo, ma di quello aggiunto alla preparazione degli ingredienti a livello industriale.

Il sale rende sicuramente i cibi più buoni, ma è al tempo stesso qualcosa di molto, molto pericoloso.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons