Loading...

Salumi: perché non esagerare

Un buon salame affettato ad inizio cena o come accompagnamento per un aperitivo è sempre una delizia per il palato: il sapore di carne, l’aroma speziato e la possibilità a poterlo abbinare a molte portate, lo rendono un cibo a cui è difficile farne meno.

Tuttavia numerosi studi hanno dimostrato come il consumo eccessivo di carni lavorate, salumi compresi, sia da limitare per quanto riguarda le porzioni ed anche per quel che concerne le quantità settimanali.

Si rischia altrimenti compromettere il giusto equilibrio della nostra dieta, impoverendola di proteine (i salumi sono tra le carni che meno ne contengono) a vantaggio dei grassi, in particolar modo quelli saturi. Per non parlare, poi, del contenuto di sodio.

Attenzione ai rischi!

Una massiccia assunzione di salumi o anche semplicemente quantità superiori a quelle raccomandate, può causare seri problemi al nostro organismo.

Il perché di questo deve essere ricercato nella modalità di lavorazione delle carni rosse, che ne alterano le proprietà e la digeribilità ed anche nelle stesse proprietà nutritive di questi alimenti.

Essi, infatti, presentano un contenuto molto elevato di grassi saturi che, in aggiunta al sale ed ai conservanti, ne fanno una vera e propria bomba per il nostro corpo, causando difficoltà digestive nell’immediato e problemi ancor più gravi a lungo andare.

Le quantità raccomandate

I nutrizionisti hanno così stilato un vero e proprio vademecum che indica quantità e modalità con cui essi possono essere consumati, sempre nell’ambito di una dieta varia ed equilibrata.

Il primo comandamento è quello di non cibarsene assolutamente ogni giorno, in caso contrario si potrebbe rischiare di andare incontro a patologie cardiovascolari causate, ad esempio, dall’accumulo di colesterolo.

In più da anni è stato riconosciuto ai salumi il potere di aumentare il rischio di tumori al colon ed al retto. Ovviamente questo non significa che essi vanno completamente banditi dalle nostre tavole, ma serve trovare, come per ogni cosa, la giusta misura.

Ecco perché la soglia massima è stata fissata a 50 grammi giornalieri, che va oltretutto inserita in quella di 500 grammi settimanali di carne rossa. E’ molto importante stare attenti e moderarne il consumo, per evitare di incappare in seri problemi di salute.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons