Loading...

Scapole Alate: cosa sono e come correggerle

scapole alateQuando parliamo di scapole alate ci riferiamo ad un paramorfismo, ovvero un difetto di postura. Nel caso specifico di cui vi stiamo parlando nel corso di questo articolo, ci riferiamo ad una postura nella quale le scapole non aderiscono perfettamente alla parete toracica anteriore, ma si presentano invece prominenti verso l’esterno.

Questo tipo di postura è purtroppo il risultato di posizioni scorrette, mantenute principalmente durante la fase adolescenziale: braccia ruotate verso l’interno e soprattutto spalle non completamente aperte possono facilmente andare a causare questo tipo di problema.

I dolori sul lungo periodo

Sul lungo periodo questo tipo di problema postulare può causare anche fastidiosissimi dolori, che si presentano non solo durante l’attività fisica, ma anche durante la fase di riposo. Per questo motivo è necessario intervenire per la correzione di questo paramorfismo, anche se bisogna farlo assolutamente nel modo giusto.

Come si può risolvere il problema delle scapole alate?

Il problema delle scapole alate deve essere combattuto ricorrendo ad esercizi posturali che hanno come obiettivo quello di riequilibrare l’intero quadro della spalla e della scapola. Si tratta di esercizi che vanno ad insistere principalmente sul muscolo deltoide posteriore e sul trapezio centrale, che sono quelli principalmente impegnati nel mantenimento della postura della nostra scapola.

Che esercizi fare?

Innanzitutto si può scegliere di intraprendere attività sportive che fanno lavorare molto questo gruppo di muscoli, tra i quali spiccano sicuramente il nuoto e la canoa.

In aggiunta a questo tipo di sport, si può fare anche attività specifica in palestra, come l’esercizio del rematore, distesi sulla panca (pullover), pula bassi con bilanciere e alzate laterali.

Si può davvero tornare alla normalità?

Certo che sì, soprattutto se decidessimo di continuare a fare sport e a frequentare la palestra, che ad oggi costituiscono ancora l’unica modalità per la correzione di problemi quali le scapole alate, nei confronti delle quali non c’è possibilità di intervenire se non a livello muscolare e quindi postulare.

Prima però di darvi allo sport, soprattutto se le scapole alate vi causano dolore, sarà meglio contattare un medico e un fisioterapista, che saranno in grado di valutare la vostra condizione prima di indicare quale sia l’attività sportiva più adatta non solo alla vostra muscolatura, ma anche al vostro quadro clinico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons