Loading...

Si può assumere fruttosio se si è diabetici?

fruttosioChi soffre di diabete, deve prestare particolare attenzione ai dolcificanti che utilizza. Ogni zucchero è potenzialmente pericoloso e bisogna comunque fare attenzione non solo alle quantità di dolci, ma anche alla loro tipologia.

Per anni si è ritenuto che diabete e fruttosio fossero amici per la pelle, dato che il secondo ha delle proprietà interessanti (che analizzeremo successivamente) che interessano soprattutto chi deve stare a dieta da diabete.

Ma stanno davvero così le cose? Si possono consumare dolci, frutti e miele, che sono in genere a base di fruttosio? Oppure si tratta di un altro tipo di zucchero da limitare? Vediamolo insieme.

Basso indice glicemico

Possiamo sicuramente aprire con i lati positivi, con i pro del fruttosio (che sono molti, come vedremo tra pochissimo).

Per cominciare il fruttosio ha un indice glicemico particolarmente basso per essere uno zucchero (tra 18 e 23), il che lo rende particolarmente appetibile per chi, proprio come i diabetici, deve ponderare le sue scelte in relazione a questo valore.

Non è finita qui però, perché c’è altro da sapere sulle interazioni tra fruttosio e diabete.

Buon potere dolcificante

Un altro punto a favore dell’uso del fruttosio durante la dieta per il diabete è il suo maggiore potere dolcificante. Si tratta infatti di un prodotto che è in grado di dolcificare più, a parità di quantità di zuccheri, del saccarosio (che è poi il normalissimo zucchero che tutti abbiamo in casa).

Questo vuol dire che si riesce a consumare una quantità minore di zuccheri (e di calorie) pur ottenendo lo stesso identico risultato.

Anche questo è un punto a favore del fruttosio. Sembrerebbe che il fruttosio sia un alimento semplicemente perfetto per chi è diabetico, anche se purtroppo, non è finita qui e dobbiamo continuare ad indagare le interazioni tra il nostro corpo e il dolcificante in questione.

Il problema della metabolizzazione del fruttosio

Il fruttosio però, ed è questo l’aspetto più importante di questa sostanza, crea problemi se assunto in quantità importanti.

Parliamo di una soglia di circa 50 grammi al giorno (che include anche il fruttosio assunto per tramite di frutta e miele), superata la quale il fruttosio potrebbe essere responsabile di:

  • Insulinoresistenza;
  • Danneggiamento dei tessuti, a causa della produzione di AGE;
  • Obesità;
  • Steatosis;
  • Iperuricemia;
  • Gotta;
  • Ipertensione.

Si tratta di problemi di salute gravi, che rendono, soprattutto per chi è diabetico, il fruttosio uno di quegli alimenti che andrebbero assunti con la massima parsimonia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons