Loading...

Sindrome di Asherman: sintomi, diagnosi e cura

ashmanQuando parliamo di Sindrome di Asherman, ci riferiamo a quella che è una sindrome che vede la formazione di tessuto cicatriziale all’interno dell’utero, che in genere si sviluppa successivamente ad un intervento a carico di questo organo.

Si tratta di una sindrome decisamente rara, che colpisce pochissime donne e tutte in genere tra quelle che hanno subìto diversi interventi all’utero.

Quali sono le cause più comuni?

La sindrome di Asherman è una condizione particolarmente rara, che in genere si verifica in quelle donne che hanno subìto o dilatazioni o interventi chirurgici ripetuti all’utero.

Allo stesso modo le infezioni post-operatorie possono essere responsabili della comparsa di questa sindrome.

Ultima, tra le cause, sia per frequenza che per importanza, è la tubercolosi, che può colpire anche l’utero e contribuire allo sviluppo di quello che è il tessuto cicatriziale che ricopre le pareti interne dell’utero delle pazienti.

Quali sono i sintomi più comuni?

I sintomi più comuni che riguardano questa patologia sono:

  • Assenza di ciclo mestruale (amenorrea);
  • Aborti frequenti, nel senso che diventa particolarmente difficile portare a termina una gravidanza;
  • Infertilità, ovvero impossibilità di concepire.

Si tratta di una patologia che purtroppo condivide il quadro sintomatico con tante altre patologie a carico dell’utero e che quindi è di diagnosi piuttosto impegnativa e difficile.

Come si può diagnosticare?

La diagnosi di questo tipo di patologia passa innanzitutto dagli esami del sangue, che potrebbero individuare ad esempio la tubercolosi, una delle patologie collegate alla comparsa della sindrome di Asherman.

Allo stesso modo in genere si ricorre a isteroscopia e a ecografia transvaginale per essere certi del risultato, e quindi individuare senza alcun tipo di remora o dubbio la presenza di questa sindrome.

Una volta individuata con certezza la sindrome, si può decidere quale tipo di terapia intraprendere.

La terapia

La terapia per la Sindrome di Asherman è una terapia che in genere si basa sull’intervento chirurgico. Si procede con isteroscopia attraverso la cervice. Successivamente, a tessuto rimosso, la cavità uterina verrà mantenuta aperta con uno speciale palloncino, che aderirà all’interno dell’utero per diversi giorni.

Ad accompagnare la terapia medica c’è quella ormonale, dato che si procede con la somministrazione di estrogeni durante tutta la convalescenza.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons