Loading...

Sindrome di Banti: cause, sintomi e cura

bantiLa sindrome di Banti è un insieme di problemi che attaccano la milza ed è così chiamata perché il suo scopritore fu il medico Guido Banti. La milza è un organo piuttosto piccolo, lungo circa 12 centimetri e largo circa 7. Dimensioni maggiori sono spia di un problema.

La milza si ingorossa a causa di un accumulo anomalo di sangue nella zona conosciuta come ”polpa rossa”. Questa porzione di milza si chiama polpa rossa perché proprio lì sono eliminati i globuli rossi ormai morti.

A causa della sindrome di Banti, l’accumulo di sangue viene provocato da ipertensione portale, dalla cirrosi e/o da anomalie nel flusso della vena porta (il vaso che irrora la milza).

Cause e sintomi

Le cause del morbo di Banti sono:

  • Cirrosi epatica;
  • Trombosi della vena porta o della vena lienale;
  • Anomalie del circolo portale.

sintomi più comuni del morbo di Banti sono:

  • Anemia;
  • Problemi digestivi;
  • Leucopenia (anomalie nella riduzione dei globuli bianchi);
  • Ipertensione portale;
  • Cirrosi.

Diagnosi e terapia

La diagnosi del morbo di Banti avviene tramite un’anamnesi dei sintomi seguita da una visita clinica oltre che strumentale degli organi. In genere la malattia si cura con un particolare intervento chirurgico, conosciuto come ”splenectomia”. La splenectomia è la semplice asportazione della milza.

Purtroppo la perdita della milza espone a dei rischi. Essa combatte le infezioni poiché produce anticorpi e globuli bianchi. Quando si vive senza milza, l’aspettativa di vita non si abbassa, ma alcuni rischi dovuti alle infezioni vanno seguiti più accuratamente.

La mancanza della milza espone facilmente alle infezioni e causa una patologia conosciuta come ”immunodepressione post-splenectomia”. Per questo, chi non ha la milza dovrebbe sempre vaccinarsi contro i più disparati batteri e virus.

Spesso ai pazienti senza milza viene consigliato di assumere degli antibiotici che possano aiutare il corpo a difendersi dalle malattie anche in assenza della milza. Una volta persa la milza, dovrete optare per uno stile di vita il più sano possibile per non affaticare il fegato già compromesso dalla cirrosi epatica.

Se avvertite alcuni dei sintomi relativi alla sindrome di Bali, consultate il vostro medico. Esistono apposite terapie che potranno aiutarvi a guarire e a gestirne i sintomi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons