Loading...

Sindrome di Ehlers-Danlos: sintomi, diagnosi e cura

sindrome ehlersLa sindrome di Ehlers-Danlos è in realtà una serie di patologie, che tutte interessano i legamenti, che si mostrano come molto lassi. Al tempo stesso la cute diventa iper-elastica: si tratta di una sindrome che dunque colpisce il tessuto connettivo, e che in realtà è causata da una mutazione genetica del collagene, una delle sostanze più importanti per i nostri tessuti.

Si tratta di una patologia che in realtà ha diverse manifestazioni e che viene suddivisa dalla medicina ufficiale in diversi tipi. Vediamo insieme di conoscerli tutti e di conoscere sia i sintomi che le possibili cure.

I diversi tipi e i diversi sintomi delle sindromi di Ehlers-Danlos

Ci sono almeno 5 diversi tipi di sindrome di Ehlers-Danlos:

  • Sindrome classica: si presenta con una iperflessibilità delle articolazioni, accompagnata da una certa frequenza di distorsione, lussazione. In questo caso le dita possono presentarsi deformi, come nel caso delle dita a collo di cigno. La fatica muscolare è notevole anche dopo attività fisica poco intensa. La colonna vertebrale si può presentare estremamente curva, soprattutto con casi di scoliosi e cifosi.
  • Sindrome che riguarda la cute: per quanto riguarda invece i sintomi che riguardano la cute, siamo davanti a problematiche piuttosto singolari. La pelle è estremamente elastica, la cute è fragile e si strappa con relativa facilità, le ecchimosi sono molto frequenti e troviamo una formazione anormale di cicatrici.
  • Sindrome a livello cardiovascolare: abbiamo ovviamente altri tipi di sintomi, come fragilità estrema dei capillari, con una grande facilità di sviluppo degli aneurismi, rottura imprevedibile delle arterie, soprattutto quelle cerebrali, tachicardia posturale ortostatica, valvulopatie a livello cardiaco, prolasso della valvola e vene varicose.

Si tratta di un complesso di sintomi piuttosto complesso, che riesce forse a dare contezza di quanto sia grave la sindrome di cui parliamo in questo articolo, una sindrome che è sicuramente meritevole di attenzione medica, quantomeno con l’obiettivo di limitarne le manifestazioni più nefaste.

Le terapie e le precauzioni

Al momento purtroppo non esiste un trattamento efficace per questo tipo di sindrome. I medici tuttavia consigliano un nucleo di precauzioni che servono quantomeno a limitare le manifestazioni più nefaste di questa particolare patologia, vale a dire:

  • Evitare l’attività sportiva;
  • Evitare lo spostamento di pesi;
  • Evitare i sollevamenti;
  • Evitare sport che possano presentare complicanze per i tendini;
  • Avvisare i medici che effettueranno eventuali interventi chirurgici sulla presenza della patologia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons