Loading...

Sindrome di Mikulicz: cause, sintomi e cura

mikulizcLa Sindrome di Mikulicz è un tipo di scialoadenosi di origine immunitaria (una malattia degenerativa, ma non infettiva delle ghiandole salivari). La sindrome è caratterizzata da un’ipertrofia delle ghiandole:

  • Parotidi;
  • Sottomascellari;
  • Lacrimali.

La malattia di Mikulicz si verifica in genere associata a delle malattie sistemiche, come leucemia o morbo di Hodgkin. La sindrome di Mikulicz è una malattia sclerosante che causa accrescimento bilaterale delle ghiandole lacrimali, delle ghiandole paratiroidee e di quelle sottomandibolari.

Sintomi e cause

Oltre all’ingrossamento delle ghiandole, la sindrome di Mikulicz causa:

  • Secchezza del cavo orale;
  • Secchezza agli occhi;
  • Secchezza degli organi (polmoni, fegato, reni).

La malattia, inoltre, può essere provocata dall’aggravarsi della pancreatite o della fibrosi retroperitoneale, nonché della nefrite. In questi casi sia la sindrome che le varie patologie vanno tenute sotto stretto controllo. Negli affetti dalla sindrome, le ghiandole sono sempre gonfie e doloranti, possono apparire tumefatte e dolere anche se semplicemente sfiorate. L’individuazione dei sintomi è quindi piuttosto immediata.

Sindrome di Mikulicz e ghiandole

Come abbiamo anticipato in precedenza, la sindrome colpisce le ghiandole, ma cosa sono? Le ghiandole salivari sono distinte in maggiori e minori. Quelle maggiori sono:

  • Ghiandole parotide;
  • Ghiandola sottomandibolare;
  • Ghiandola sottolinguale.

Le ghiandole salivari minori, invece, si trovano a livello di palato, labbra, lingua, guance, laringe e naso. Esse possono essere colpite da diversi tipi di patologie infiammatorie e/o neoplastiche sia benigne che maligne, tra cui la sindrome di Mikulicz. La ghiandola parotide è a secrezione salivare sierosa, quella sottomandibolare è a secrezione salivare mista (sia sierosa che mucosa) e quella sottolinguale, infine, è anch’essa una ghiandola a secrezione salivare mista (quindi di nuovo sia sierosa che mucosa).

Cura e terapia

La cura della sindrome è piuttosto semplice e consta principalmente di una terapia a base di cortisonici. La sindrome si diagnostica, in genere, con la semplice anamnesi dei sintomi. Il medico dovrebbe riuscire ad individuare la malattia con la sola visita medica e con un normale esame istologico delle ghiandole interessate.

Se avvertite uno strano e continuo dolore alle ghiandole, nonché gonfiore che perdura nel tempo, consultate il vostro medico. La terapia allevia fortemente i sintomi e aiuta a gestirli. Ricordate che non bisogna mai trascurare i sintomi per evitare che la malattia si aggravi e provochi disturbi più significativi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons