Loading...

Sindrome di Mirizzi: cause, sintomi e terapia

mirizziLa Sindrome di Mirizzi è una malattia molto rara in cui un calcolo provoca la compressione del dotto biliare comune (o dotto epatico comune), con conseguente ostruzione dello stesso. Uno dei sintomi più evidenti della sindrome di Merizzi è l’ittero.

In alcuni casi può verificarsi anche una fistola al dotto biliare. La Sindrome di Mirizzi si verifica con la presenza di un’aderenza nella regione infundibulo-cistica e provoca calcoli nel dotto cistico o anche nella tasca di Hartmann.

Solo lo 0,1% circa dei pazienti con calcoli biliari presenta la Sindrome di Mirizzi, che colpisce indifferentemente uomini e donne anche se la maggior incidenza si presenta in pazienti di età avanzata.

I calcoli possono provocare infiammazione cronica della colecisti, necrosi, fibrosi, e infine la formazione di una fistola nel dotto epatico comune o nel coledoco. 

Sintomi

I sintomi più comuni della sindrome di Mirizzi sono:

  • Ittero;
  • Dolore  addominale;
  • Vomito;
  • Livello elevato di bilirubina;
  • Fosfatasi alcalina bassa;
  • Indigestione;
  • Febbre.

La fosfatasi alcalina si misura tramite un semplice test del sangue, indicato per evidenziare malattie epatiche.

Diagnosi

Si può individuare la sindrome di Mirizzi mediante ecografia, TAC o CPRM (scansione con risonanza magnetica che monitora fegato, dotti biliari e cistifellea). Una volta individuate le problematiche legate alla sindrome, è necessario un intervento. A volte la sindrome di Mirizzi può essere diagnosticata da una ERCP che controlla bile e pancreas. 

Terapia

La Colecistectomia e l’anastomosi bilio-intestinale sono gli interventi più comuni per risolvere la sindrome di Mirizzi. La terapia per i pazienti con Sindrome di Mirizzi può essere anche eseguita attraverso terapia endoscopica o laparoscopica, ma solo in un numero limitato di casi. La terapia endoscopica e laparoscopica spesso non vengono utilizzate perchè presentano alti rischi e una bassa percentuale di riuscita. I pazienti di solito vengono dimessi in pochi giorni dopo un controllo colangiografico.

La sindrome di Mirizzi  si presenta in tre tipologie differenti. Il tipo I  ha come conseguenza la chiusura del dotto cistico a causa di un calcolo che provoca la fusione della colecisti al dotto epatico comune. Il tipo II  e il tipo III presentano difetti minori nel dotto cistico rispetto al tipo I  e il tipo IV porta all’erosione della parete del dotto.

Si raccomanda di non trascurare i sintomi della sindrome di Mirizzi, in quanto se non correttamente diagnosticata può provocare gravi danni all’organismo. Se avete dolori addominali, febbre, ittero e soffrite di cattiva digestione chiedete al vostro medico di sottoporvi a esami approfonditi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons