Loading...

Test allergico al polline: come funziona?

allergia pollineL’allergia al polline è una delle più comuni, insieme a quella per le graminacee o per gli acari. In ambito medico sono stati messi a punto numerosissimi test per individuare l’eventuale presenza di alcune allergie.

Ma quali sono i test più adatti per la diagnosi dell’allergia al polline? Come funziona questo test? Quali sono le precauzioni da prendere quando siamo allergici al polline? Oggi parleremo proprio di questo e cercheremo di rispondere a tutte le domande sul tema.

Quali sono i test da fare per la diagnosi dell’allergia al polline?

Vista la larga diffusione dell’allergia al polline, sarete già a conoscenza dei sintomi con cui si manifesta più frequentemente, ossia quelli che riguardano il sistema respiratorio, la lacrimazione degli occhi, l’irritabilità, eccetera.

Nel momento in cui notate una certa connessione tra la manifestazione di questi sintomi e il contatto con il polline, è opportuno che vi rechiate da un medico, o da un allergologo, che vi sottoporrà ai test più indicati per la diagnosi di questa allergia.

Tra i test più diffusi, per adulti, anziani e bambini, abbiamo i seguenti:

  • Prick test (consente di visualizzare le reazioni ad alcuni allergeni direttamente sulla pelle del nostro avambraccio);
  • Il dosaggio delle IgE specifiche (cioè le immunoglobuline che vengono prodotte in seguito ad una reazione allergica);
  • Intradermoreazione, un esame molto simile al prick test.

Come funzionano questi test?

Nel caso del prick test e della intradermoreazione, il medico inietta sul braccio o sulla schiena del paziente delle gocce minime dell’allergene, il giusto quantitativo per creare la reazione allergica senza apportare problemi alla salute del paziente.

Il dosaggio delle IgE specifiche, invece, è un esame più accurato. Infatti, in questo caso, si farà un prelievo ematico per poter analizzare la provetta e constatare l’eventuale presenza di queste cellule che agiscono come anticorpi contro gli allergeni.

Cosa bisogna fare se si è allergici al polline?

Purtroppo il polline è una sostanza che, soprattutto durante la primavera, si insidia nelle nostre case, e può creare anche delle crisi respiratorie gravi.

Per evitare queste reazioni allergiche è opportuno evitare il contatto col polline, vivendo in un ambiente pulito, specialmente se si tratta della salute dei bambini. Tuttavia sarà il medico a dirvi qual è il percorso giusto da seguire nel caso in cui vi fosse stata diagnosticata questa allergia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons