Loading...

Test allergico per nichel: la guida completa

test nichelL’allergia al nichel, insieme a quella al polline o alle graminacee, è una delle condizioni allergiche più diffuse. Questa allergia potrebbe limitare notevolmente la vita dell’individuo, o del bambino, che ne soffre in quanto il nichel si trova praticamente ovunque.

Quali sono i test da fare quando si sospetta un’allergia al nichel? Come funzionano questi test? Nel presente articolo cercheremo di soddisfare la vostra curiosità sul tema, cercando, anche, di fornirvi delle informazioni utili se non sapete come comportarvi quando se ne presentano i sintomi.

Che cos’è l’allergia al nichel?

Tutti sapete che il nichel è un metallo che si può trovare negli alimenti, così come nella bigiotteria o anche sui bottoni o sui giocattoli dei nostri bambini.

Se un bambino è allergico al nichel, potrebbe manifestare i seguenti sintomi:

  • Dermatiti allergiche e orticarie che possono venir fuori in qualsiasi parte del corpo;
  • Una sensazione di malessere generale;
  • Mal di testa frequenti;
  • Infiammazioni nel cavo orale;
  • Sensazione di affaticamento;
  • Nausea e gonfiori addominali.

Ovviamente, la gravità del sintomo dipende soprattutto dalla quantità di nichel ingerito o dalla lunghezza del periodo in cui siamo stati a contatto con questo metallo.

Quali sono i test da fare per l’allergia al nichel?

Quando avrete sottoposto il vostro piccolo alla visita medica, verranno fatti gli appositi test allergici. Per quanto riguarda l’individuazione dell’allergia nei bambini, i metodi più frequenti sono i seguenti:

  • Prick test: è il test allergico più diffuso e consiste nell’iniettare appena sotto la pelle dell’avambraccio una piccolissima quantità di allergene (la giusta dose per non mettere in pericolo la vita del paziente), ed aspettare l’eventuale reazione allergica.
  • Patch test: prevede sempre di mettere a stretto contatto l’allergene con la cute, ma in questo caso vengono applicati dei dischetti che contengono l’allergene. I risultati dovranno essere interpretati dopo un paio di giorni, al termine dei quali il medico farà la sua diagnosi.
  • Esami del sangue: è possibile prelevare un campione di sangue per vedere se sono presenti le IgE, ossia degli anticorpi che entrano in azione in presenza di un determinato allergene.

Se dal risultato del test emerge che il piccolo è allergico al nichel, è indispensabile eliminare dalla sua dieta tutti gli alimenti che lo contengono (per lo più cibi in scatola) ed evitare di farlo entrare a contatto con questa sostanza.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons