Loading...

Ulcera Duodenale: sintomi, diagnosi e dieta

ulcera duodenaleL’ulcera duodenale è una particolare forma di ulcera, in realtà la più comune, che colpisce il raccordo tra lo stomaco e l’intestino. Si tratta di una patologia estremamente comune, che colpisce il duodeno con una piccola ferita a livello della mucosa.

Vediamo insieme di cosa si tratta, se si può curare o meno e soprattutto come prevenirla, dato che si tratta del modo migliore per vivere in salute.

Quali sono le cause?

Quando parliamo di ulcera duodenale, ci riferiamo ad una patologia che, purtroppo, non ha ancora cause certe e verificabili. Si tratta infatti di un problema che sembra collegato all’eccessiva secrezione di acidi digestivi, che andrebbero a danneggiare la mucosa gastrica e, appunto, a creare la ferita che poi va sotto il nome di ulcera.

Secondo alcuni studi più recenti potrebbe essere comunque decisivo anche un profilo di tipo genetico-ereditario, dato che i soggetti che presentano ulcera duodenale sembrano avere una predisposizione ad essere molto più sensibili alla gastrina.

Altri fattori di rischio

Ci sono altri fattori di rischio che sembrano essere collegati con la possibilità di sviluppare ulcera duodenale:

  • L’abuso di alcol sembra essere direttamente collegato con questo tipo di patologia. Gli alcolisti sembrerebbero sviluppare molto più di frequente l’ulcera, con tassi che sono fino a 6 volte superiori rispetto a chi invece non ha problemi con l’alcol.
  • L’ansia sembra giocare anche a favore dello sviluppo dell’ulcera, anche se in questo caso sembra che sia più normale sviluppare un’ulcera allo stomaco.
  • Anche l’helicobacter sembra essere collegato allo sviluppo di questo tipo di patologia. Il virus sarebbe infatti presente in circa l’85% dei pazienti che soffrono di ulcera duodenale.

Ci sono possibili terapie?

Sì, ci sono terapie che possono essere d’aiuto per andare a combattere l’ulcera duodenale. Su tutte innanzitutto esistono terapie di tipo comportamentale:

  • Si deve interrompere l’assunzione di farmaci gastrolesivi (antinfiammatori, FANS) che vanno in genere ad attaccare la mucosa dello stomaco;
  • Il fumo deve essere assolutamente abbandonato;
  • Anche il consumo di alcol deve essere drasticamente ridotto se non eliminato completamente.
  • Bisogna smettere di bere bevande che contengono caffeina.

Affianco alla terapia di tipo comportamentale, abbiamo anche terapie di tipo farmacologico, con il ricorso a farmaci che possono inibire la produzione dei succhi gastrici in eccesso.

In aggiunta, in caso di positività all’Helicobacter, verranno intraprese le terapie antibiotiche appropriate.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons