Loading...

Vaginite: quali sono le cause più comuni?

L’apparato genitale femminile è un apparato complesso e, nostro malgrado, esposto a moltissimi tipi di patologie e problemi. Oggi parliamo della vaginite, non un disturbo, ma in realtà un intero gruppo di disturbi che colpisce il canale vaginale e che può creare più di qualche fastidio.

In realtà, e sarebbe il caso di stabilirlo subito appena stiamo cominciando con la nostra guida, non esiste una patologia che sia veramente e propriamente vaginite. Con questo termine più che designare una patologia, descriviamo in realtà quella che è una conseguenza di diverse malattie e problematiche.

Cosa c’è da sapere sulle cause della vaginite, ovvero su quelle che possono essere le “vere” patologie che causano questo tipo di problematica e di conseguenza?

Che cos’è  la vaginite?

Quando parliamo di vaginite, ci riferiamo in realtà a diverse problematiche di tipo infiammatorio che colpiscono, appunto, la vagina. I sintomi più comuni sono:

  • Prurito diffuso;
  • Dolore a riposo, ovvero non durante l’atto sessuale;
  • Dolore durante la penetrazione, in genere in qualunque posizione;
  • Infiammazioni;
  • In alcuni casi  perdite di colore bianco.

Sono sintomi, in realtà, collegati ad un enorme numero di patologie e infezioni a carico della vagina.

Quali sono le cause più comuni?

Tendenzialmente i problemi di vaginite sono riconducibili a squilibri nella flora intestinale, che possono essere causati da attacchi batterici o fungini. In altri casi, invece, sono dei processi fisiologici che interessano la vagina e che non sono associati a patologie di alcuni tipo. Tra le cause più comuni della vaginite, possiamo infatti trovare:

  • La riduzione di ormoni estrogeni durante la menopausa, che porta ad una costante secchezza vaginale, che si può trasformare anche in un’infiammazione;
  • Il periodo successivamente al parto, quando gli ormoni estrogeni calano sensibilmente;
  • In caso di intervento di rimozione delle ovaie;
  • Vaginiti batteriche: possono essere causate da Prevotella, Gardnerella vaginali, Mycoplasma hominis. Si tratta di batteri e agenti patogeni in grado di stravolgere l’equilibrio batterico interno la vagina e causare appunto infiammazioni;
  • Vaginiti da funghi: la più tipica è quella che deriva dalla Candida. Circa il 75% delle donne, almeno una volta nella loro vita, finiscono per essere contagiate. Si tratta dunque di qualcosa di “fisiologico”, che possiamo superare con l’aiuto del nostro ginecologo;
  • ultima, anche se non meno importante, è sicuramente la vaginite parassitaria. Si tratta di un tipo di vaginite che può essere causata in via esclusiva dal Trichomonas vaginalis. Si tratta di un’infezione che però, spesso, vede come complice anche il collo dell’utero e l’uretra.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons