Loading...

Artrite reumatoide: tutto quello che c’è da sapere

Trattamento osteoartrosi

L’artrite reumatoide è una malattia infiammatoria autoimmune e cronica che colpisce i tessuti articolari. Quando si ha quessta patologia, il sistema immunitario si attiva in maniera anomala e causa infiammazione del tessuto sinoviale con associato dolore cronico, distruzione della cartilagine, erosioni ossee e perdita dell’integrità articolare.

La funzione articolare viene compromessa e spesso compaiono invalidità o disabilità. L’artrite reumatoide parte da forme lievi o subcliniche che hanno anche remissione spontanea in circa 10% dei casi, fino a forme con rapida progressione in circa il 10% dei casi.

Cause e sintomi

Le cause non sono chiare, anche se la patologia compare soprattutto in individui geneticamente predisposti. Ci sono alcuni fattori scatenanti, come: traumi, fattori ormonali, obesità e infezioni. Non è una malattia ereditaria, ma esiste una predisposizione genetica. L’artrite reumatoide colpisce circa l’1% della popolazione ed è più frequente nelle donne che negli uomini.

I primi sintomi sono: articolazioni dolenti, gonfie, arrossate e calde, rigidità mattutina e difficoltà nel muovere le articolazioni. La malattia colpisce contemporaneamente entrambi i lati del corpo. Nella maggior parte dei casi la malattia si manifesta in modo insidioso e lento e solo raramente l’esordio è acuto. Di solito le prime articolazioni coinvolte sono quelle di mani e piedi e dei polsi.

Aspettativa di vita e diagnosi

Se l’artrite reumatoide non viene trattata per tempo o se non risponde alle terapie, l’infiammazione può portare a distruzione della cartilagine e a deformità. Ne consegue un aumento del rischio di complicanze cardiovascolari, ematologiche, gastrointestinali, infettive e respiratorie. L’aumento della mortalità è di 2-3 volte rispetto alla popolazione non affetta dalla patologia.

La diagnosi precoce è fondamentale, nel periodo iniziale è sensibile all’azione dei farmaci anti-reumatici e l’efficacia della terapia è maggiore. Se il paziente accusa rigidità al risveglio, dolore e gonfiore con sensazione di calore, deve rivolgersi subito al medico.

È necessario consultare uno specialista reumatologo. In caso di sospetta artrite reumatoide, bisogna fare degli esami del sangue in cui si andranno a cercare i segnali del processo infiammatorio. Gli esami radiologici periodici sono, infine, fondamentali per monitorare l’avanzamento della malattia.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2019 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons