Loading...

Fosfatasi Alcalina Bassa: cosa significa e quali sono le Cause

fosfatasi alcalinaLa fosfatasi alcalina è un tipo di enzima che viene utilizzato dal nostro corpo per diversi compiti. Viene secreta dal fegato e l’analisi dei suoi livelli è ritenuta parte di ogni esame del sangue standard dedicato ad accertare le condizioni del nostro apparato epatico.

La fosfatasi alcalina bassa può essere sintomo di patologie e di malfunzionamenti anche seri, motivo per il quale è necessario sottoporre questo tipo di risultati sicuramente all’attenzione del proprio medico curante.

Le possibili cause della fosfatasi alcalina bassa

Di seguito troverete quelle che sono le cause più comuni della fosfatasi alcalina bassa:

  • Malnutrizione: si tratta di alimentazione non corretta e/o non sufficiente, che può causare carenze di Vitamina B6, acido folico, Vitamina C e altri tipi di nutrienti fondamentali;
  • Eccesso di vitamina D;
  • Ipofosfatasia: si tratta di una malattia di carattere genetico/ereditario, che può causare tra le altre cose una mineralizzazione anormale dei denti e dell’apparato scheletrico;
  • Assunzione di estrogeni;
  • Anemia aplastica: una condizione nella quale il midollo osseo non riesce a creare, in modo corretto, i globuli rossi, bianchi e le piastrine;
  • Leucemia cronica;
  • Malattia di Wilson: è causata da un accumulo oltre i livelli tossici di rame, in genere nel fegato.

Che tipo di cura si può fare contro la fosfatasi alcalina bassa?

Le possibili cure dipendono ovviamente dalla malattia, patologia o condizione che si nasconde dietro i valori troppo bassi di fosfatasi alcalina.

Sarà necessario dunque, una volta incontrato il livello troppo basso, procedere con ulteriori strumenti diagnostici, che saranno in grado di individuare con esattezza quale sia la patologia che si nasconde dietro questi valori anomali.

Una volta individuata la patologia, si dovrà procedere con le cure del caso che riusciranno, tra le altre cose, a ristabilire livelli normali di questo enzima nel sangue.

Ad ogni modo è sconsigliatissima l’autodiagnosi, dato che le patologie collegate a questo tipo di condizione sono piuttosto serie e vanno prese in debita considerazione, soprattutto da chi potrebbe essere a rischio delle gravi patologie che vi abbiamo elencato poco sopra.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2017 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons