Loading...

Piedi piatti: quando è il caso di preoccuparsi

piedi piattiLa mancanza dell’arco plantare, ossia quella condizione conosciuta più comunemente come piedi piatti, è molto comune nei bambini e, nella maggior parte dei casi, tende a scomparire in modo del tutto spontaneo dopo qualche anno dalla nascita.

Ma quando l’arco plantare non viene a formarsi anche dopo i 4 anni di età cosa dobbiamo fare? E’ il caso di preoccuparsi e contattare un ortopedico per bambini? Quali sono i rischi? Oggi andremo a rispondere insieme a tutte le tue domande sui piedi piatti dei bambini.

A che età dovrebbe evidenziarsi l’arco plantare?

I bambini che sono affetti da piedi piatti sono veramente tanti, soprattutto se hanno un’età inferiore ai 3 anni. Tuttavia questa è una situazione piuttosto normale che tende a risolversi spontaneamente con il passare del tempo e con la crescita del piccolo.

Dopo diverso anno, solitamente entro i 4 anni, il piede del bambino dovrebbe iniziare ad assumere la normale curvatura dell’arco plantare che, fino a quell’età, è rimasto nascosto dall’adipe.

Tuttavia, se l’arco plantare non si forma entro i quattro anni, allora sarebbe opportuno contattare l’ortopedico pediatrico per capire se si tratta di una situazione sulla quale intervenire in quanto potrebbe influenzare la postura del bambino.

Per capire se il tuo bambino è affetto dai piedi piatti è sufficiente osservare la posizione del calcagno quando il bambino è a piedi nudi, in piedi e di spalle. Se il calcagno si piega verso l’interno, allora i piedi sono piatti.

I plantari correttivi sono utili oppure no?

Per porre rimedio ai piedi piatti molti specialisti prescrivono ai bambini dei plantari fatti su misura. Questi plantari sono particolarmente utili per restituire al piede una curvatura normale, riallineando così anche il calcagno.

Tuttavia si tratta di dispositivi che vanno indossati praticamente per tutto l’arco della giornata, altrimenti possono risultare inutili. Proprio da questo deriva l’incertezza sull’utilità dei plantari per correggere i piedi piatti, soprattutto se pensiamo ai vari impegni, scolastici e non, del bambino.

Inoltre, il plantare è utile se il bambino passa diverse ore rimanendo in piedi, cosa che, ovviamente non fa, soprattutto se pensiamo alle ore passate a rimanere seduto a scuola.

In ogni caso, a meno che il problema non provochi dolore al bambino, il plantare servirebbe per correggere solo il difetto estetico. Se invece provoca fastidio e affaticamento, l’ortopedico potrebbe ritenere necessario intervenire chirurgicamente.

Non dimenticare l’attività fisica

Uno degli aspetti più importanti che devi considerare se tuo figlio ha i piedi piatti è sicuramente l’attività fisica. Lo sport infatti stimola lo sviluppo della curvatura plantare, soprattutto se si praticano le seguenti attività:

  • Bicicletta;
  • Nuoto;
  • Basket.

 

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons