Loading...

Spotting Ovulatorio: cos’è e come riconoscerlo

spotting ovulatorioLo spotting è una condizione prettamente femminile che spesso si verifica tra un ciclo e l’altro. Per questo spesso si sente parlare di spotting ovulatorio, o meglio di spotting durante il periodo dell’ovulazione.

Ma che cos’è esattamente lo spotting ovulatorio? Che cosa sta ad indicare lo spotting? Ci sono dei rischi oppure no? Quanto dura lo spotting? Oggi risponderemo insieme a tutte queste domande.

Che cos’è lo spotting ovulatorio?

Con il termine Spotting, ci si riferisce ad una condizione in cui la donna ha delle perdite ematiche al di fuori del ciclo mestruale. Spesso lo spotting si verifica durante il periodo dell’ovulazione, per questo si parla di spotting ovulatorio.

In linea di massima lo spotting ovulatorio non desta particolari preoccupazioni, tuttavia, visto che si tratta di un Sintomo Amico, potrebbe essere il campanello d’allarme di qualche altro problema, per questo sarebbe meglio non sottovalutarlo.

Quali sono le cause dello spotting?

Le cause dello spotting possono essere diverse. La causa più comune è sicuramente da ricercarsi nell’utilizzo di alcuni metodi contraccettivi, soprattutto per quanto riguarda l’assunzione della pillola anticoncezionale e l’anello vaginale.

Infatti, spesso, quando usiamo metodi contraccettivi come questi, può capitare che si verifichi lo spotting. Tra le altre cause dello spotting, però, possono esserci anche delle condizioni patologiche tra cui quelle che citiamo in seguito:

  • La presenza di un tumore al collo dell’utero, o di altre forme cancerogene, come il polipo o un fibroma;
  • La presenza delle cisti ovariche;
  • L’endometriosi;
  • La menopausa precoce;
  • Dei disturbi dell’alimentazione, come l’anoressia o la bulimia;
  • Il diabete.

Un altro fattore che può provocare lo spotting è anche lo stress. Infatti è stato spesso dimostrato che lo stress influenza il nostro organismo, soprattutto quello di una donna, provocando anche episodi di spotting.

Quanto dura lo spotting ovulatorio?

La durata dello spotting ovulatorio dipende soprattutto da ciò che lo ha causato. Ad esempio, nel caso degli anticoncezionali, di solito, il ginecologo non interviene sulla situazione in quanto lo spotting tenderà a regredire spontaneamente non appena abbiamo trovato il giusto equilibrio ormonale.

In linea di massima lo spotting ovulatorio non dovrebbe durare più di quattro giorni. In caso contrario ti consigliamo di contattare il tuo ginecologo affinché faccia tutte le indagini necessarie per capire cosa sta succedendo al tuo corpo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons