Loading...

Cinofobia: cos’è?

La cinofobia è la paura morbosa o la repulsione in maniera continua dei cani, indipendentemente dalla taglia e dalla statura. 

Cinofilia deriva dal greco e significa proprio paura dei cani. 

Ci si sente in una posizione scomoda e di svantaggio che provoca agitazione e preoccupazione, nei casi più rari si potrebbe incappare anche in attacchi di panico

Le persone affette da questa fobia hanno una paura morbosa di come potrebbero agire i cani, pensando di essere attaccatimorsi anche quando questi animali vogliono solo giocare. 

Da cosa scaturisce questa paura?

Principalmente le cause scatenanti di questa paura sono solitamente traumi, e non solo del passato, che potrebbero essere morsi, ringhi e molto altro. 

Solitamente questa lesione psicologica innesca nelle persone interessate un rigetto nei confronti di questi animali, dati da attacchi di ansia

Sotto l’aspetto psicoanalitico, si è capito che gli effetti della cinofilia vengono interpretati come ragione di problemi da evitare in ogni caso. 

Quali potrebbero essere le ragioni di questa fobia?

Come abbiamo già detto in precedenza, la visione di comportamenti spaventosi da parte dei cani suscitano un senso di paura: questa condizione si chiama “osservazione“, dove gli eventi ostili all’individuo non sono stati vissuti in prima persona, ma sono stati solo oggetto di riflessione

La seconda causa, invece, potrebbe essere l’opposto di quanto appena detto, avendo avuto un episodio esplicito nei propri confronti. 

Un altro fattore scatenante potrebbe non essere un’esperienza vissuta, ma una comunicazione intesa in modo sbagliato, come il racconto di un’esperienza vissuta da un amico. 

Inoltre l’acquisizione di vari comportamenti potrebbe essere stata data da una determinata educazione e infatti in età infantile si è più soggetti a manifestare questa fobia. 

Quali sono i sintomi?

Si afferma che ogni persona può reagire in modo diverso, ma vi possono essere attacchi di panicocrisi di pianto e nervosismo che insorgono alla vista o al pensiero dell’attacco da parte di un cane. 

La paura prenderà il sopravvento su ogni nostra azione e si avrà timore che possa succedere qualcosa. 

Inoltre, come anche molte altre fobie, si pensa ad una strategia in grado di evitare momenti in cui si potrebbe incappare in posizioni sfavorevoli. 

Si avrà quindi una circostanza di isolamento che potrebbe portare a disturbi come la depressione

Perchè rivolgersi al medico?

Dopo aver accertato la condizione del paziente, il medico consiglierà una cura da intraprendere con degli psicologi.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons