Loading...

Coulrofobia: perchè si ha paura dei clown?

La coulrofobia, o più semplicemente la paura dei clown, è una malattia legata alla psicologia che causa preoccupazione in quanto, a causa del cerone e del trucco abbondante dei pagliacci, non si riescono a capire le loro finalità e quindi si ha paura di cosa potrebbe accadere. 

Perchè si ha questo tipo di disagio nei confronti dei clown?

Principalmente questo tipo di disturbo deriva dal fatto che, come detto prima, non sapendo le reali intenzioni di chi si ha davanti si potrebbe incappare in equivoci

In particolare, il cerone esagerato, il famoso naso rosso, i capelli scompigliati e la falsa identità del pagliaccio incutono timore, soprattutto per il fatto che il trucco nasconde il reale volto della persona e quindi non si ha la certezza delle espressioni e delle emozioni che vuole far vedere o suscitare. 

Proprio per il loro atteggiamento imbranato e burlone, i clown fanno cose inaspettate e scherzano eccessivamente; proprio per questo si ha un senso di angoscia e paura

Quali sono le cause di questo timore?

bambini di età inferiore ai 7-8 anni sono più soggetti a sviluppare questa paura, che potrà protrarsi anche da adulti, e potrebbe derivare dal fatto di aver vissuto di persona un trauma con un clown oppure anche alla visone di una foto o di un film, in cui sono solitamente rappresentati come figure di poco conto e con un’accezione non molto positiva

Come si può reagire?

Gli atteggiamenti che riguardano questo tipo di trauma sono molteplici e diversi tra loro. 

Si potrebbe piangere o vomitare, avere molto caldo o sentire terribilmente freddo ed essere bloccati dal fare ogni azione, sentirsi svenire e aumentare il ritmo di respirazione o addirittura ci si potrebbe sentire come se non si avesse più ossigeno a disposizione ed incappare in un attacco di panico

Tramite il corpo il nostro cervello sta sfogando la spinta sentimentale provocata dalla visione del clown. 

Cosa fare?

Se si notano questi sintomi la prima cosa da fare è calmare la persona, che sarà in crisi, e poi chiedere consulto al medico

Così quest’ultimo chiederà delucidazioni al paziente sul come si sente e cosa scaturisce determinate reazioni, in modo tale da fare una diagnosi ben precisa. 

Inoltre si consiglierà di seguire un cammino che sarà curativo per questo tipo di patologia. 

Questo tracciato comprende metodi per calmarsi autonomamente e non, oltre che una terapia in grado di controllare i comportamenti della persona affetta da questo trauma. 

Ovviamente questo percorso deve essere seguito da un medico specializzato, capace di aiutare il soggetto “malato” ad uscire dalla situazzione in cui si trova.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons