Loading...

Dislipidemie: cosa sono?

La dislipidemia è l’aumento dei livelli di grasso nel sangue causato sia da condizioni genetiche che legate allo stile di vita non corretto.

La percentuale di lipidi presente nel sangue è strettamente legata all’insorgenza eventuale o all’aggravamento dell’arteriosclerosi e delle patologie a questa collegate, come per esempio la trombosi o le ischemie cardiache.

Cause della dislipidemia

In base ai fattori che la determinano, la dislipidemia viene classificata in due modi differenti:

  • Dislipidemia primaria, quando è di origine genetica;
  • Dislipidemia secondaria, quando è legata ad altre cause o allo stile di vita scorretto.

La dislipidemia primaria è associata ad un cambiamento genetico che fa sì che il corpo produca una quantità alta di trigliceridi o che, non sia in grado di metabolizzarli in modo normale.

Di solito è una condizione ereditaria che può portare alla comparsa di disturbi che possono diventare decisamente gravi.

Alcuni dei principali problemi causati dalla poca cura di questo valore nel sangue per esempio sono:

  • Un’arteriosclerosi prematura;
  • Problemi alla circolazione periferica che possono portare anche alla claudicazione;
  • La possibilità di avere un ictus o una pancreatite.

La dislipidemia secondaria, invece, è principalmente causata da uno stile di vita poco attivo e malsano o, dalla presenza di alcune malattie apparentemente non legate a questo problema.

Abitudini quali il fumo, un’alimentazione ricca di grassi, un abuso di alcool possono essere cause secondarie di questo disturbo, come ad esempio lo sono anche il diabete non curato, l’ipotiroidismo, l’abuso di farmaci antivirali o beta-bloccanti.

Sintomi, diagnosi e trattamento della dislipidemia

Questa malattia è una delle più subdole in quanto all’inizio è decisamente asintomatica.

Può capitare che i lipidi in eccesso nel corpo si depositino sulla superficie della pelle formando degli xantomi, piccole protuberanze non dolorose. A volte è possibile che il paziente dislipidemico possa avere delle aree opache e grigie intorno alla cornea o che possa presentare il fegato o la milza ingrossati.

Per diagnosticare una dislipidemia è sufficiente effettuare degli esami del sangue e focalizzarsi sul livello di colesterolo.

La terapia più giusta per curare questo disturbo è quella di adottare uno stile di vita più sano possibile perdendo peso in caso di obesità, facendo attività fisica e limitando il consumo di alcool e fumo.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2020 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons