Loading...

Fitoterapia: cos’è e a cosa serve

La fitoterapia consiste nella cura, nonché nella prevenzione, di un disturbo per mezzo delle piante.

Il termine stesso, infatti, deriva dalle parole greche phytòn che significa “pianta” e therapéia traducibile come “cura”. L’utilizzo delle piante a scopo medico è una pratica molto antica – tipica della medicina popolare – poi messa da parte dalla medicina moderna.

Attualmente la fitoterapia è tornata alla ribalta come alternativa, o valido coadiuvante, della medicina classica. Cerchiamo di scoprirne di più nei prossimi paragrafi, dando un’occhiata alle sue proprietà e funzioni. Continua a leggere!

Curare con le piante

La fitoterapia potrebbe essere considerata come una vera e propria branca della medicina specializzata nella prevenzione e nella cura dei disturbi attraverso l’uso di piante ed erbe medicinali. Tuttavia la figura del fitoterapeuta, lo specialista in materia, non è universalmente riconosciuta.

I medicinali fitoterapici vengono preparati a partire dalle piante e dalle erbe che possiedono principi attivi e le cui proprietà curative sono state testate e confermate in diversi studi scientifici.

Questi vengono estratti dalla pianta stessa con tecniche sempre più raffinate che permettono di salvaguardare il principio attivo, ma anche di purificare gli estratti. Un esempio sono il propoli, la valeriana, l’iperico, l’aloe vera, il ginseng e così via.

I prodotti che ne derivano possono considerarsi dei veri medicinali o fitomedicine. Dovranno essere prescritti da un medico, il quale stabilirà le dosi e la modalità di assunzione, verificando l’eventuale interferenza con altri medicinali o eventuali allergie.

Fitoterapia: quando sceglierla

Il ricorso a medicinali a base di piante mediche è possibile per curare diverse patologie, favorire la normale funzionalità dell’organismo con integratori specifici.

La propoli, ad esempio, è molto utile in caso di infezioni che riguardano le vie respiratorie come raffreddore e mal di gola poiché è in grado di annientare i batteri. Va comunque somministrata secondo le indicazioni mediche.

Al contrario, ci sono casi in cui il loro utilizzo non è consigliato. I fitoterapici, ad esempio, non sono in grado di contrastare immediatamente un mal di testa. Per un effetto repentino è più appropriato prendere un analgesico.

Articoli che ci piacciono:

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 - Viverealmeglio.it è parte della rete Qonnetwork, i cui contenuti sono di proprietà esclusiva di Qonnecta srl - P.I. 08021571214 | Note Legali

Licenza Creative Commons